You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Province Lombarde Articoli Sondrio A scuola di sicurezza con il Soccorso alpino provinciale
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

A scuola di sicurezza con il Soccorso alpino provinciale

Dopo aver spiegato le finalità della manifestazione "Sicuri con la neve", sono state descritte le norme comportamentali necessarie per pianificare e affrontare un’escursione in sicurezza

Madesimo, 18 gennaio, 2010 - Oltre150 appassionati della montagna invernale hanno raccolto l’appello del Soccorso alpino, che ieri anche in provincia di Sondrio ha dato vita alla "Giornata nazionale di prevenzione e sensibilizzazione sugli incidenti provocati dalle valanghe" promossa con la collaborazione delle Scuole d’alpinismo e scialpinismo, delle Commissioni e Scuole centrali di escursionismo, alpinismo giovanile, fondo, escursionismo, Servizio valanghe italiano del Cai e della Società alpinistica F.A.L.C.. A Madesimo, Chiesa in Valmalenco e Livigno gli scialpinisti, e non solo, sono stati accolti da esperti che, dopo aver spiegato le finalità della manifestazione "Sicuri con la neve", hanno descritto le norme comportamentali necessarie per pianificare e affrontare un’escursione in sicurezza.

"Innanzitutto è necessario conoscere bene l’itinerario, lo stato e la quantità del manto nevoso - spiega Gianfranco Comi, responsabile provinciale dei Soccorso alpino - ma anche consultare i bollettini e la valutazione del grado di pericolo, avendo l’intelligenza di rinunciare in caso fosse particolarmente elevato".

È seguita poi una dimostrazione delle attrezzature di auto-soccorso, indispensabili quando si "affronta" la montagna innevata. "Questi strumenti devono far parte dell’attrezzatura quando ci si avventura sulla montagna innevata – continua Comi – perchè diventano di fondamentale importanza in caso di incidente. Per la sopravvivenza di una persona travolta dalla neve è infatti di importanza vitale la velocità d’intervento". Dopo l’introduzione su come si affronta l’emergenza, in questo caso un incidente, spazio alla prova pratica.

"I partecipanti sono stati divisi in gruppetti - spiega il responsabile del Soccorso alpino provinciale - per provare la ricerca di persone sepolte dalla neve. A conclusione della giornata c’è stata una dimostrazione dell’intervento delle unità cinofile in caso di valanga". "Siamo decisamente soddisfatti - conclude Gianfranco Comi - perchè la partecipazione è stata buona e soprattutto perchè hanno raccolto il nostro invito sia scialpinisci che gli amanti delle ciaspole e del “fuoripista“ in generale".

di Susanna Zambon

http://ilgiorno.ilsole24ore.com/sondrio/cronaca/2010/01/18/281839-scuola_sicurezza.shtml

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali