You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Province Lombarde Articoli Varese Studenti del Manzoni tra i migliori dei paesi OCSE
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Studenti del Manzoni tra i migliori dei paesi OCSE

Risultati eccellenti nei test PISA 2009 per i ragazzi del liceo Manzoni. Le abilità superiori alle medie nazionali ma anche lombarde. Soddisfazione per una scuola che attende ancora l'ok per il liceo musicale

Studenti modello, almeno per gli standard nazionali. Sono arrivati al

liceo Manzoni di Varese i risultati delle prove “PISA 2009”. La scuola

varesina era stata scelta come campione per verificare l’andamento

dell’istruzione italiana.  I risultati confermano sostanzialmente i

già lusinghieri risultati ottenuti nella precedente indagine del 2006,

quando gli studenti di questo Liceo si erano collocati sopra la media

degli studenti italiani sia in lettura che in matematica che in

scienze.

Per il 2009, i dati sono ancora più confortanti. Per OCSE-PISA gli

studenti del Liceo "Manzoni" di Varese ottengono risultati di

eccellenza, perché hanno dimostrato di possedere competenze migliori

rispetto non solo alla media italiana, ma anche alle medie delle varie

aree geografiche italiane (Nord Ovest, Nord Est, Centro, Sud, Sud e

isole).

 

Il risultato è confermato sia nelle competenze di lettura che in

quelle matematiche e scientifiche. In particolare, nelle competenze di

lettura gli studenti del Manzoni hanno fatto registrare un punteggio

di 567 (25 punti in più rispetto alla media dei licei, 55 punti in più

rispetto agli studenti del Nord Ovest e di ben 45 punti in più

rispetto agli studenti lombardi). In ogni caso, molto superiore alla

media OCSE, che nel 2009 si attestata al punteggio 493.

Risultati del tutto analoghi anche per le competenze matematiche e

scientifiche. Il liceo "Manzoni", perciò, si evidenzia come una delle

eccellenze del nostro sistema di istruzione.

 

L'indagine internazionale OCSE-PISA che valuta  i sistemi di

istruzione e di formazione nel mondo ed è stata condotta nel 2009 in

74 Paesi di quattro continenti. Il risultato del "Manzoni" è

particolarmente importante soprattutto perché si colloca a livelli più

alti anche rispetto alla Lombardia, che a sua volta dall'indagine PISA

risulta essere tra le regioni nel mondo con i migliori risultati in

assoluto.

 

«Siamo molto soddisfatti del risultato – ha commentato il preside

Vittorio Fabricatore - Ringrazio anche gli studenti che hanno

partecipato alla rilevazione campionaria perché si sono impegnati in

prove non facili, dimostrando che il curricoli di questa scuola sono

in linea con le competenze-chiave richieste dalla comunità

internazionale nei tre principali ambiti della lingua, della

matematica e delle scienze. Ci teniamo molto a misurare i nostri

esiti, in particolare perché ci aiuta a orientare meglio i curricoli e

poi perché ci interessa che dopo la maturità i nostri studenti non

abbiano difficoltà di inserimento».

 

Per sostenere le eccellenze, recentemente il Consiglio di Istituto del

“Manzoni” ha deciso di riconoscere agli studenti migliori della scuola

12 borse di studio di 250 €, che saranno conferite a coloro i quali

abbiano conseguito alla fine di ogni anno scolastico i migliori

risultati dell’Istituto o si siamo distinti per costanza nell’intero

quinquennio.

 

Decisamente soddisfatto il preside che ad agosto lascerà l’Istituto e

la scuola per raggiunti limiti d’età. Rimane, per ora, l’unico cruccio

legato al futuro del liceo musicale per il quale non è ancora giunta

l’autorizzazione ufficiale da parte del Ministero. Nonostante ci siano

dotazioni, insegnanti e iscrizioni, la luce verde da Roma tarda a

venire lasciando in bilico l’intera organizzazione.

 

4/07/2011

scuola@varesenews.it

 

http://www3.varesenews.it/

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali