You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Province Lombarde Articoli Varese La regione Lombardia candida il sito paleontologico di Monte San Giorgio a patrimonio mondiale dell'Unesco
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

La regione Lombardia candida il sito paleontologico di Monte San Giorgio a patrimonio mondiale dell'Unesco

L'assessore alle Culture, Identità e Autonomie della Lombardia, Massimo Zanello, ha presentato la candidatura del sito paleontologico di Monte San Giorgio, in provincia di Varese, per l'inserimento nella lista del Patrimonio mondiale dell'Unesco.

L'assessore alle Culture, Identità e Autonomie della Lombardia, Massimo Zanello, ha presentato la candidatura del sito paleontologico di Monte San Giorgio, in provincia di Varese, per l'inserimento nella lista del Patrimonio mondiale dell'Unesco.

"Il riconoscimento c'è già per l'area compresa nel versante svizzero", ha ricordato l'assessore regionale, "e ora dobbiamo completare il procedimento, dato che il termine per la presentazione della candidatura scade il 1° febbraio prossimo".

L'accordo, sottoscritto con ministero per i Beni e le Attività Culturali, Provincia e Camera di Commercio di Varese, Università di Milano (Dipartimento di Scienze della Terra "Ardito Desio"), Comuni di Besano, Clivio, Porto Ceresio, Saltrio, Viggiù e Comunità montana della Valceresio, riguarda la definizione delle metodologie di redazione e attuazione del piano di gestione del sito, caratterizzato dalla presenza di 30 specie di rettili e quasi 100 specie di pesci fossili, "punto di riferimento di altri ritrovamenti recenti avvenuti nella Cina meridionale, dove stanno venendo alla luce molti siti più o meno coevi ai nostri livelli fossiliferi", ha sottolineato Andrea Tintori, docente di paleontologia all'Università di Milano.

L'area proposta per l'iscrizione, nella quale è collocato il giacimento fossilifero di eccezionale valore, è situata nella Provincia di Varese, nel territorio del Monte San Giorgio - Monte Pravello - Monte Orsa, affacciato sul lago di Lugano.

Dal 1972 l'Unesco, l'Agenzia delle Nazioni Unite il cui scopo è la promozione delle attività di educazione e diffusione della scienza e la cultura, ha istituito la Whl - World Heritage List, un elenco che comprende tutti i siti che per le loro straordinarie caratteristiche culturali e naturali vengono riconosciuti come "patrimonio culturale dell'umanità".

Le aree comprese nella lista, che viene aggiornata annualmente, sono oggetto di particolari cure per la loro conservazione e valorizzazione, finalizzate alla loro trasmissione alle generazioni future.

Il primo sito italiano cui è stato riconosciuto l'inserimento nella lista è stato, nel 1979, la Valle Camonica. A tutt'oggi sono 43 i siti italiani inseriti nell'elenco.

"Oggi l'eccellente quadro lombardo viene ad essere impreziosito da questa nuova candidatura", ha ricordato l'assessore Zanello: "il sito di Monte San Giorgio è la miglior prova di quella simbiosi culturale che favorisce lo scambio di idee e progetti nel rispetto della nobile tradizione regionale".

L'assessorato sostiene e promuove la presentazione di nuove candidature nonché la diffusione delle conoscenze sul patrimonio relative ai luoghi già inseriti nella lista Unesco. "L'impegno regionale in questo ambito", ha spiegato Zanello, "cresce di anno in anno, anche in considerazione del fatto che ben sei siti già riconosciuti si trovano in Lombardia; con la presentazione della candidatura di Monte S. Giorgio, e con l'inserimento dei siti di Brescia e Castelseprio il loro numero salirà a otto, facendo della Lombardia la regione italiana con il maggior numero di siti Unesco". (aise)  

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali