You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Province Lombarde Articoli Varese E' morto Nando Fontana Era il re degli orologi
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

E' morto Nando Fontana Era il re degli orologi

SESTO CALENDE Lutto nel mondo dell'imprenditoria sestese. Tutta la città ieri si è stretta intorno alla famiglia Fontana, per dare l'ultimo saluto al capostipite di una delle più importanti dinastie di orefici, presente sul territorio fin dalla prima metà del Novecento.

Ferdinando Fontana (per tutti Nando), scomparso all'età di 88 anni, fu imprenditore che pose le basi della prestigiosa azienda orafa Fontana, suddivisasi poi in diversi rami: la GTF, specializzata nella produzione di casse e bracciali per orologeria, la Lascor spa, orientata alla fabbricazione di casse e orologi d'acciaio e alluminio, successivamente ceduta all'azienda svizzera Swatch, e la Fontana Gioielli. Della famiglia anche alcuni negozi, aperti dai fratelli Luigi  e Sergio a Sesto, Angera e Varese e la catena di negozi Rocca. Oggi succedono a Nando i figli Pietro e Carlo, da sempre occupati nelle aziende di famiglia, che con le mogli Emilia e Lucetta e i nipoti hanno partecipato alla cerimonia funebre in una Abbazia gremitissima. Nell'omelia don Luigi Ferè ha tratteggiato i lati umani dell'imprenditore scomparso, che nella sua vita subì anche la deportazione e l'internamento in un campo di concentramento in Germania. Da quell'esperienza traumatica Nando seppe trarre un importante insegnamento, ha sottolineato don Luigi: «Che la libertà dell'uomo non può essere distrutta neppure da un potere forte come quello del Nazismo. Quell'episodio gli insegnò a rapportarsi ad ogni uomo in modo autentico, al di là di ogni ideologia o posizione sociale».

L'invito di don Luigi è stato quello di «raccogliere questa preziosa eredità spirituale: quella di guardare al prossimo come ad un'opportunità e un dono, per costruire insieme». Su questo principio Nando edificò la sua lunga  vita, fatta di operosità, sacrificio e grande affetto per la propria famiglia. Un'eredità che i figli oggi cercheranno di trasmettere ai nipoti. Un esempio di buona imprenditoria che in un'epoca come quella attuale si distingue.

fonte: la provincia di varese

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali