You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Province Lombarde Articoli Varese Provincia di Varese, in programma corridoi protetti tra i parchi
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Provincia di Varese, in programma corridoi protetti tra i parchi

Il Trans insurbia bionet (Tib) sarà il primo corridoio a collegare due zone protette. La Lipu con la provincia di Varese, la regione Lombardia e la Fondazione Cariplo è riuscita a far approvare questo progetto innovativo che aiuterà la salvaguardia della biodiversità in tutta l'area.

I lavori, che partiranno a ottobre e dovrebbero concludersi entro il dicembre 2015, prevedono la salvaguardia dei due corridoi che, attraversando la provincia di Varese da nord a sud, collegano il Parco Campo dei Fiori al Parco del Ticino proteggendone le fondamentali connessioni ecologiche.

«Il "Tib" porterà a compimento un percorso iniziato dagli stessi promotori nel 2007 con il progetto «Rete biodiversità» - spiega Fulvio Mamone Capria, presidente Lipu-BirdLife Italia - che nasce dalla consapevolezza che un territorio fortemente antropizzato come il nostro limita gli scambi ecologici di flora e fauna, causando una sensibile perdita di biodiversità. Le aree protette come i parchi - continua - non sono sufficienti a contrastare il fenomeno: se confinate dentro un'isola verde, le specie rischiano di impoverire il loro patrimonio genetico fino all'estinzione. Tuttavia - conclude - ciò che è essenziale per la nostra mobilità, come strade, ponti, binari della ferrovia, canali, cavi dell'alta tensione, per molti animali rappresenta un valico insormontabile e, a volte, fatale«.

 

«Il "Tib" è il primo progetto in Italia a coordinare un'opera di deframmentazione così ampia e variegata. I corridoi si estendono per una lunghezza complessiva di 59 chilometri - commenta Dario Galli, Presidente della Provincia di Varese - e rappresenteranno un plusvalore strategico a livello internazionale che favorirà così la salvaguardia dei collegamenti ecologici tra le aree verdi a nord e a sud della nostra provincia. Attraverso i due corridoi varesini - continua - si tutela la connettività tra le Alpi e il Po e, di conseguenza, gli Appennini, un collegamento che la forte urbanizzazione della Pianura Padana rischierebbe, altrimenti, di precludere definitivamente».

«Il progetto "Tib" risulta essere il naturale proseguimento e la realizzazione sul territorio di due precedenti progetti intrapresi dalla Provincia, in collaborazione con Lipu e finanziati da Fondazione Cariplo - spiega Luca Marsico, Assessore alla Tutela Ambientale della Provincia di Varese - ovvero i tratta di «Natura 2000 VA», svolto nel biennio 2008/2009, e «Rete biodiversità: la connessione ecologica per la biodiversità», ormai prossimo alla conclusione, che ha già prodotto uno studio di fattibilità sulla realizzazione della connessione tra il Parco del Campo dei Fiori ed il Parco Lombardo della Valle del Ticino e grazie al quale è in corso con i Comuni e i due Parchi interessati la definizione di uno strumento politico-amministrativo per la salvaguardia dei due corridoi, denominato «Contratto di Rete».

 

Fonte: http://www3.lastampa.it/lazampa/

 

3/10/2011

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali