You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Province Lombarde Articoli Varese Wizzair, si pagano 10 euro per portare il trolley a bordo
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Wizzair, si pagano 10 euro per portare il trolley a bordo

Wizz Air ha introdotto una nuova policy per il bagaglio a mano che limita il numero di bagagli di grandi dimensioni a bordo e condurrà a risparmi che la compagnia aerea ha promesso di condividere con tutti i propri clienti.

Oggi i passeggeri di Wizz Air in partenza da oltre 80 aeroporti hanno aderito alla nuova policy sul bagaglio a mano portando a bordo un bagaglio a mano piccolo (fino a 42x32x25cm) o un bagaglio a mano di grandi dimensioni (fino a 56x45x25cm) dopo aver pagato una tariffa online di €10 durante la prenotazione.
Nel corso della prima mattinata operativa non è stato registrato alcun ritardo relativo ai bagagli. Wizz Air conferma che continuerà a incentivare i suoi clienti a viaggiare in modo intelligente e leggero trasportando a bordo solo un bagaglio a mano piccolo e aggiungendo più risparmi alle basse tariffe già apprezzate da oltre 1 milione di passeggeri al mese. I prodotti acquistati in aeroporto dopo i controlli di sicurezza (un'importante fonte di ricavo per gli aeroporti partner di Wizz Air) continueranno a essere ammessi gratuitamente in cabina.
Questa nuova policy non si applica alle prenotazioni effettuate prima del 4 ottobre.

Esempi

Borsa piccola, fino a 42x32x25cm; (30 L) borsetta, zaino piccolo, borsa per il computer (deve entrare sotto il sedile ) Gratis

Bagaglio a mano di grandi dimensioni: più grande di una borsa a mano piccola e fino a 56x45x25cm; (60L) trolley €10 (online)

Policy bagaglio a mano: 1 borsa piccola o 1 bagaglio più grande per passeggero. I prodotti acquistati in aeroporto dopo i controlli di sicurezza sono ammessi gratuitamente in cabina!

fonte: la provincia di varese

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali