Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Le attività

L'Associazione Lombardi in Messico svolge attività di varia natura, come da statuto. Conosciamole insieme alle priorità che la Presidente Marina Cattaneo ha individuato per l'Associazione.

L’Associazione ha per oggetto:

 

a) riunire, appoggiare i lombarda e oriundi lombarda residente in messico, mantenendo viva la nostra cultura e solide le nostre radici e tradizioni mediante interscambi, soggiorni nella regione, manifestazioni culturali e sociali

 

b) diffondere e promuovere in messico i valori del patrimonio storico, culturale, sociale, industriale, tecnico, del lavoro e turistico, della regione lombardia e rinforzare i rapporti di cooperazione tra le autoritá messicane e lombarde;

 

c) stringere legami di mutua collaborazione con le altre associazioni italiane in messico e nel mondo e stabilire rapporti con enti messicani;

 

d)  promuovere e agevolare lo scambio di rapporti culturali, commerciali, industriali, tecnologici, del lavoro e turistici tra la regione lombardia, il messico e altri paesi;

 

e)  ottenere e diffondere la documentazione di risoluzioni o delibere emanati dalla regione lombardia a favore dei lombarda all’estero

 

f) in generale, realizzare ogni sorta di attivitá relativa a quanto sopra, focalizzata al conseguimento  degli obiettivi dell’associazione”.

 

le nostre prioritá:

 

forse in italia non a tutti é noto che la situazione economica del messico é paragonabile a quella dell’argentina di altri paesi dell’america latina e che alcuni lombardi cominciano a risentire i gravi disagi di detta situazione.

Vorremmo quindi essere considerati e trattati alla stessa stregua degli altri per quanto attiene a contributi, agevolazioni, assistenza sanitaria, borse e viaggi di studio o di ricerca.

Vorremmo anche poter avvalerci di indicazioni per contattare  imprenditori lombardi per eventuali partenariati, del riconoscimento automatico di diplomi, titoli di studio e gradi accademici per poterci piú facilmente inserire nel mondo messicano del lavoro

Altro obiettivo è quello di poter trasmettere la cittadinanza italiana a tutti i nostri, figli, anche se maggiorenni. vorremmo che le autoritá competenti rivedessero il discorso delle pensioni, crediamo infatti che coloro i cui versamenti non coprono il tempo prestabilito dovrebbero comunque avere diritto alla parte proporzionale di quanto appunto a  suo tempo versato. 

Vorremmo inoltre poter allestire delle mostre, con del materiale fornito dalla regione, magari costumi e oggetti tipici, gastronomia, giocattoli, organizzare concorsi, ma soprattutto poter aiutare chi si trova in difficoltá

 

insomma, se la nostra patria, l’italia, ci ha alquanto dimenticati, vorremmo che la nostra “matria”, la lombardia,  ci fosse un po’ piú vicina e ci desse una mano per riuscire ad attuare i progetti che ci stanno a cuore.

 

Marina Cattaneo Gasparini

 

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali