You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Argentina/Uruguay Articoli Dal mondo sociale Buenos Aires: Cristoforo Colombo "perde" la statua: gli italiani protestano
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Buenos Aires: Cristoforo Colombo "perde" la statua: gli italiani protestano

Rimossa la statua di Cristoforo Colombo a Buenos Aires scoppia la protesta degli italiani. Le autorità argentine precisano che la decisione è stata presa per permettere il restauro del monumento. La preparazione dei lavori è durata qualche ora ma poi la statua è stata rimossa in pochi minuti.

La gigantesca statua si trova ora a terra, appoggiata su una piattaforma di legno davanti al piedistallo, nella 'Plaza Colon' alle spalle della Casa Rosada. I lavori erano iniziati in mattinata. Uno degli ingegneri responsabili dell'operazione aveva precisato ai media locali che l'obiettivo della rimozione è quello di sottoporre la statua a un restauro. «Non vogliamo trasferire la statua in un altro posto bensì restaurarla, visto che diversi rapporti hanno confermato la possibilità di crolli per le condizioni del monumento», ha precisato l'ingegnere Juan Arriegue. A Buenos Aires, l'operazione ha colto un pò tutti - sia i cittadini sia i media - di sorpresa, visto che qualche giorno fa la magistratura aveva ordinato che per tre mesi la statua dovesse rimanere al suo posto, in attesa di una decisione definitiva. «Ci limiteremo appunto al restauro della statua, intervento che rientra nelle attività autorizzate» dalla magistratura, ha precisato Arriegue. La comunità italiana in Argentina si batte ormai da tempo con determinazione contro lo spostamento della statua, sottolineando che doveva appunto rimanere dove si trovava ormai da molti decenni. La vicenda dello spostamento della statua - donata nel 1910 dalla comunità italiana in Argentina - era ormai da tempo al centro delle polemiche a Buenos Aires. Il progetto di portare il monumento nella città di Mar del Plata - confermato da più parti - era stato promosso dal governo della presidente Cristina Fernandez de Kirchner, ma le autorità cittadine guidate dal sindaco Mauricio Macri si oppongono.

 

Fonte: www.ilmattino.it

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali