You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Argentina/Uruguay Articoli Dal mondo sociale Celebrazioni della “Giornata dell’immigrato italiano” in Argentina
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Celebrazioni della “Giornata dell’immigrato italiano” in Argentina

Una "due giorni" di festeggiamenti per le collettività italiane residenti in Argentina: dopo la Festa della Repubblica celebrata il 2 giugno, i connazionali emigrati hanno avuto l’opportunità di celebrare anche la "Giornata dell’Immigrato Italiano", istituita dal Governo Argentino nel 1995 con legge nazionale numero 24561. Di G. Garrappa

Una "due giorni" di festeggiamenti per le collettività italiane residenti in Argentina: dopo la Festa della Repubblica celebrata il 2 giugno, i connazionali emigrati hanno avuto ieri l’opportunità di celebrare anche la "Giornata dell’Immigrato Italiano", istituita dal Governo Argentino nel 1995 con legge nazionale numero 24561.

 

Nel 1995 la scelta cadde sul "3 giugno" in quanto data di nascita di Manuel Belgrano, creolo di origine italiana a capo dell'esercito delle Province unite del Rio de la Plata.

Nome completo Manuel José Joaquín del Sagrado Corazón de Jesús Belgrano y Peri, è stato un avvocato, economista e generale dell’esercito, considerato uno dei padri fondatori dell'Argentina.

 

Creolo d'origine genovese (suo padre era oriundo di Oneglia), le sue campagne militari furono decisive per l'indipendenza dell'Argentina dalla dominazione spagnola.

A capo dell'esercito delle Province unite del Rio de la Plata conseguì nel 1813 la vittoria nelle battaglie di Tucumán e di Salta.

 

Si batté contro la secessione dalla federazione dell'Uruguay e del Paraguay. Fu sostenitore in politica dell'autonomia e della laicità dello Stato nei confronti della Chiesa e in economia del sistema liberistico. Fu anche il creatore della Bandiera dell'Argentina nel 1812.

 

Giorgio Garrappa Albani – Redazione Argentina 06/06/2010

jgarrappa@hotmail.com

 

Italiani all’estero

 

A Moron, la Festa delle Repubblica italiana e la Giornata dell’immigrato in Argentina

Un’iniziativa organizzata lo scorso 5 giugno dall’Agenzia consolare italiana e dal Comites

 

BUENOS AIRES – Sono stati festeggiati sabato 5 giugno presso la sede dell’Associazione italiana savellese di Lomas del Mirador, nella provincia di Buenos Aires, la Festa della Repubblica italiana e il Giorno dell’immigrato italiano in Argentina. Circa 250 connazionali hanno partecipato all’evento organizzato dall’Agenzia consolare italiana di Moron e dal Comites in loco, presieduto da Francesco Rotundo.

 

Insieme a Rotundo e a Massimiliano Gori, per l’agenzia consolare, erano presenti dirigenti di associazioni, patronati ed enti italiani attivi in Argentina.

 

La manifestazione ha preso il via con la Messa dedicata alla collettività presso la Chiesa del Sacro Cuore di Gesù di Lomas del Mirador, celebrata del parroco locale e da Padre Tonino, della Congregazione Scalabriniana del Boca. Alla benedizione è seguita l’esecuzione degli inni italiano e argentino.

 

Hanno accompagnato il pranzo gli interventi di Rotundo e Gori, che hanno ricordato i due appuntamenti occasione di incontro della collettività, seguiti dalla consegna di diplomi a circa 70 connazionali emigrati in Argentina da molto tempo. Rotundo ha ringraziato, per la buona riuscita della giornata, i membri del Comites, l’agente consolare Gori ed i suoi collaboratori ed Elena Clemente, intervenuta per conto del Console generale d’Italia a Buenos Aires.

 

Fonte: (Inform)

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali