You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Argentina/Uruguay Articoli Dal mondo sociale Gli italiani nelle Americhe: viaggio fra i numeri, di Ricky Filosa
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Gli italiani nelle Americhe: viaggio fra i numeri, di Ricky Filosa

"Anche dove si può ritenere la comunità italiana quantitativamente modesta, invece è proprio lì che spesso gli italiani sono più organizzati, attenti e impegnati"

Gli italiani residenti all'estero sono circa 4 milioni; le persone, invece, che hanno almeno una goccia di sangue italiano nelle vene, sono circa 60 milioni in tutto il mondo. Una vera e propria "altra Italia".

 

Molti dei connazionali che vivono oltre confine, si trovano nel continente americano. Gli italiani residenti nelle Americhe - quindi Stati Uniti, Canada, Centro America e Caraibi, e America Latina -  sono  1.526.300. Dati tratti dall'annuario statistico 2008 del Ministero degli Affari Esteri. I dati sono relativi all'anno precedente, il 2007.

 

Questi, naturalmente, sono quelli all'Anagrafe Consolare.

 

Ma dove vive questo milione e mezzo di italiani? In quali paesi dell'America sono più presenti i nostri connazionali? Beh, certamente in Argentina, dove gli italiani sono ben 592.065. Circa un terzo del totale.  Buenos Aires la città argentina dove è più forte la presenza di italiani, con 198.148 connazionali; segue Rosario (91, 292) e La Plata, con 67,159 italiani residenti.

 

All'Argentina segue il Brasile, dove gli italiani sono  274.766. Molto forte quindi la presenza italiana nel paese carioca: solo a San Paolo, i nostri connazionali sono 126.079; a Rio De Janeiro 45.564, e a Porto Alegre 39.204.

 

Continuando il nostro viaggio - immaginario - in America Latina, arriviamo in Venezuela, dove la comunità italiana conta circa 120mila presenze: 98.431 a Caracas, e 16.980 a Maracaibo. Scendendo più a Sud, arriviamo in Uruguay, dove solo a Montevideo gli italiani sono 83.646.

 

Gli italiani negli  Stati Uniti, invece, sono 191.804. Ecco alcuni dati: Boston 13.764; Chicago 14.964; Filadelfia 22.518; Houston 4.747; Los Angeles 14.170; Miami 23.492; New York 54.741; San Francisco 12.164; Newark 13.610; Washington 4.077.

 

E il Centro America come se la cava? A Città del Messico abbiamo 13.350 italiani; a L'Avana, Cuba, 2,072; nella città di Guatemala, 3,774 e a Quito, in Ecuador, i connazionali sono 14,430. Nella Repubblica Dominicana, dall'Ambasciata di Santo Domingo risultano 8,543 italiani. In realtà, gli italiani che vivono sull'isola sono molti di più: si stima una presenza di circa 30 mila connazionali.

 

Andando su, a nord degli Stati Uniti,  troviamo il Canada, dove vivono 117,199 italiani: Toronto la città con la maggiore comunità italiana (59,636), seguono Montreal (34.726) e Vancouver (12.192).

 

Per qualcuno questi numeri potranno essere noiosi, freddi, muti. Lo capiamo. Ma questi dati devono servire a capire - per chi non lo avesse già chiaro in testa - che la presenza italiana nel mondo è forte, e in certi casi è massiccia. Questo si riflette naturalmente nella vita sociale, economica e politica dei Paesi che ospitano la collettività, e nei rapporti fra quelle nazioni e l'Italia.

 

E anche dove si può ritenere la comunità italiana quantitativamente modesta, invece è proprio lì che spesso gli italiani sono più organizzati, attenti e impegnati.

 

Con il corso degli anni, la presenza italiana nel mondo aumenterà ancora, favorita dalle  leggi naturali della riproduzione, e dalle più avanzate abitudini socioculturali  che spingono agli  spostamenti migliorativi per lavoro e per scelta personale.  Ogni italiano all'estero, sarà - come lo è oggi - un pezzo di BelPaese oltre confine, con tutti gli onori e oneri. Ricordatevelo.

 

 

Ricky Filosa - Gente d'Italia/Italia chiama Italia

http://www.italiachiamaitalia.net/news/137/ARTICLE/12226/2008-11-28.html

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali