You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Argentina/Uruguay Articoli Dal mondo sociale Italia-Argentina, il match si gioca dentro il manicomio
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Italia-Argentina, il match si gioca dentro il manicomio

Due squadre composte da utenti con problemi di salute mentale, per favorire l'integrazione sociale attraverso lo sport. Continua lo straordinario viaggio degli "ambasciatori dei diritti": oltre 250 persone da Roma a Buenos Aires con il progetto Patassariba 2008 patrocinato dal Ministero della Salute

Grottaferrata - Un viaggio lungo e faticoso quello che ha portato 260 italiani (tra soggetti con problemi di salute mentale, familiari e operatori) nella capitale argentina con il progetto "Patassariba" patrocinato da varie regioni d'Italia e dal Ministero della Salute, per sensibilizzare la comunità sulla chiusura dei manicomi a trent'anni dalla legge Basaglia 180.

E così ieri una rappresentanza di trenta giocatori da tutte le regioni d'Italia ha sfidato il team del manicomio "Colonia Nacional Dr Manuel A. Montes de Oca" della municipalità di Torres, composto interamente da pazienti internati nella struttura, una delle tante ancora presenti in Argentina. Esito dell'incontro di calcetto 7-6 per la squadra di casa anche se non è mancata la consegna della coppa di consolazione per i giocatori di "Patassariba". Si sono giocati quattro tempi da venti minuti più uno supplementare, momento della grande rimonta della squadra italiana: i sette giocatori sono riusciti a segnare ben cinque gol solo nell'ultima mezz'ora. A fine partita è seguito un pranzo nel giardino manicomiale e la consegna delle magliette dell'iniziativa ai pazienti argentini su cui sono riportati i numeri 180, 30, 60 (legge Basaglia, anniversario della sua applicazione e della Costituzione italiana).

 

È seguita quindi una visita da parte degli operatori all'interno del manicomio che fu edificato nel 1908 e che ospita al suo interno 768 pazienti tra uomini e donne, internati per vari tipi di patologie psichiche, dal ritardo mentale più o meno lieve alla psicosi, dalla schizofrenia a varie forme di depressione. «Molti di loro sono stati ripudiati dalle famiglie e non hanno altro posto dove stare» ha spiegato il direttore riabilitativo del centro Josè Mario Romè. Si è così appreso come nel paese argentino, a causa di fattori economici, sociali e culturali, i problemi di salute mentale siano vissuti con molta diffidenza e paura dall'intera comunità. «Qui al Montes De Oca stiamo lavorando duramente per cercare di ristabilire un contatto tra i pazienti e i loro familiari - ha aggiunto il direttore generale Jorge Santiago Rossetto - per far sì che possano essere gradualmente reinseriti nella società e conquistare l'autonomia». E i risultati sono lusinghieri dal momento che in quattro anni (dal 2004 a oggi) sono oltre duecento gli utenti che hanno fatto ritorno a casa, grazie a efficaci programmi di riabilitazione.

 

Poco distante dal manicomio è sorto un centro diurno, nel quale i disabili psichici si dedicano a varie attività ricreative: cura dell'orto, attività con gli animali della fattoria, laboratori artistici. «La differenza è notevole rispetto al manicomio - ha sottolineato Gladys Chutte, operatrice psicologa - qui hanno più libertà e poco a poco riconquistano l'indipendenza». Una giornata davvero intensa per gli utenti e gli operatori che hanno dato il via al progetto italiano, culminata con l'incontro nel pomeriggio a Plaza de Majo per conoscere l'associazione "madres dei desaparecidos" e con il confronto di esperienze tra pazienti dei centri di salute mentale italiani, francesi, inglesi e argentini.

 

Ma le attività dei protagonisti dell'avventura di "Patassariba 2008" non finiscono qui: la settimana ricca di impegni e appuntamenti (mercoledì si è visitato il quartiere Matadero dove si sono esibiti alcuni gruppi di folk argentino tra cui la band di Diego Arolfo) prosegue oggi con l'attesissimo match di football tra la squadra di calcio degli utenti italiani e i giocatori professionisti del Boca, che verrà disputata all'interno dell'omonimo quartiere. Il progetto si concluderà sabato con la grande marcia lungo le vie del centro di Buenos Aires che culminerà nella celebre Plaza de Majo tra canti, danze e manifestazioni artistiche. Perché la legge Basaglia che sancì la chiusura dei manicomi nel nostro Paese a trent'anni dalla sua applicazione non venga dimenticata ma anzi, sia di esempio per Paesi come l'Argentina, dove le strutture di isolamento sono ancora una triste realtà.

 

 

http://www.castellinews.it/index.asp?id=1237&act=v&20081128

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali