You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Argentina/Uruguay Articoli Dal mondo sociale L’On. Fabio Porta con Estela de Carlotto alla presentazione del libro “Vite senza Corpi”
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

L’On. Fabio Porta con Estela de Carlotto alla presentazione del libro “Vite senza Corpi”

Il Vice Presidente del Comitato Permanente per gli italiani all’estero Fabio Porta non ha voluto mancare al dibattito organizzato a Roma, nell’ambito della Festa della CGIL, per presentare il volume “Vite senza corpi”, di Jorge Ithurburu e Cristiano Colombi, sul tema della memoria e della giustizia per i desaparecidos italiani dell’ESMA

Il dramma dei ‘desaparecidos’ argentini al centro del dibattito organizzato alla Festa della CGIL alle Terme di Caracalla a Roma

Appena rientrato da una lunga missione politica in Argentina - che lo ha portato nelle città di Buenos Aires, Mendoza e Cordoba – il Vice Presidente del Comitato Permanente per gli italiani all’estero Fabio Porta non ha voluto mancare al dibattito organizzato a Roma, nell’ambito della Festa della CGIL,  per presentare il volume “Vite senza corpi”, di Jorge Ithurburu e Cristiano Colombi, sul tema della memoria e della giustizia per i desaparecidos italiani dell’ESMA (la scuola militare di Buenos Aires dove durante la dittatura argentina il comandante Massera e i suoi uomini hanno inflitto indicibili torture a tantissime vittime innocenti, molte delle quali di origine italiana).

Il parlamentare eletto in America Meridionale ha innanzitutto parlato del suo recente viaggio, nel corso della quale ha inaugurato a Mendoza una mostra in omaggio al noto fumettista Oesterheld, sequestrato anch’egli insieme alle sue tre figlie durante la dittatura; dopo Mendoza il deputato del Partito Democratico si è recato a Cordoba e qui ha voluto visitare – nel corso di due intense giornate di attività - il “Museo della Memoria”, che oggi occupa i locali di uno dei più violenti centri di detenzione e tortura.

L’On. Porta ha voluto quindi ricordare l’impegno suo personale e del gruppo del Partito Democratico nel chiedere al Governo italiano di rendere disponibili alle autorità politiche e giudiziarie argentine gli archivi dei Consolati italiani in Argentina di quell’epoca; anche grazie ad una specifica interrogazione - della quale il deputato democratico è stato primo firmatario – il Ministro degli Esteri Frattini ha autorizzato tale importate iniziativa, suggellata dalla visita a Roma della Presidente Cristina Kirchner in occasione delle celebrazioni per i 150 anni dell’unità d’Italia.

“La memoria – ha concluso il parlamentare – è fondamentale per il consolidamento della democrazia e la costruzione di una nuova classe dirigente; per questo ho presentato una legge che introduce nelle scuole lo studio multidisciplinare delle migrazioni e della storia della presenza italiana nel mondo, storia della quale fanno parte a pieno titolo le pagine tragiche dei ‘desaparecidos’ italo-argentini, testimoni di una violenza cieca e dell’aberrazione del potere”.

Fonte: Comunicato Fabio Porta

 

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali