You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Argentina/Uruguay Articoli Dal mondo sociale Il Partito Democratico è parte civile nel processo Condor
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Il Partito Democratico è parte civile nel processo Condor

E' la prima volta che un partito politico viene ammesso come 'parte civile' ad un processo; la decisione segue a quella che aveva accolto come 'parte civile' il "Frente Amplo" dell'Uruguay ed il governo italiano; accolte anche le analoghe richieste di CGIL, CISL e UIL e della Regione Emilia Romagna

Nel corso dell'ultima udienza del "Processo Condor", relativo ai crimini commessi dall'omonima organizzazione negli anni '60 e '70 durante le dittature nei principali sudamericani, il GUP ha ammesso l'intervento come enti esponenziali di interessi lesi del Partito Democratico, di CGIL-CISL-UIL e della Regione Emilia Romagna.

All'inizio del processo, avvenuto nell'ottobre del 2013, con una decisione altrettanto inedita e per certi versi "storica", era stato ammesso come parte civile il "Frente Amplo", la coalizione politica di centro-sinistra attualmente al governo dell'Uruguay; anche il governo italiano si era costituito come parte civile fin dalla prima udienza del processo, analogamente a quanto fatto dal governo Prodi per i processi contro i generali argentini nella vicenda drammatica dei 'desaparecidos'.

"Siamo orgogliosi e particolarmente soddisfatti per questa decisione - ha dichiarato l'On. Fabio Porta, parlamentare del PD eletto in America Meridionale - e voglio ringraziare il mio partito per aver colto fin dall'inizio il senso politico e storico di questa operazione di giustizia e verità a favore di tanti italiani vittime di quelle vicende e di popoli fraternamente amici come quelli del Sudamerica".

"Il ringraziamento - continua Porta - va indirizzato in maniera più specifica all'Avvocato Antonello Madeo, che rappresenta il Partito Democratico e anche il "Frente Amplo" in questo processo, e che sta dimostrando competenze e abnegazione rare e preziose nel seguire questo complesso e delicato processo".

"Questo risultato ci spinge a continuare sulla strada intrapresa - conclude il deputato democratico - magari riaprendo la vicenda relativa al cosiddetto "caso Troccoli", il militare uruguaiano attualmente in Italia accusato di alcuni dei più efferati crimini ai danni di nostri connazionali".

 

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali