You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Argentina/Uruguay Articoli Dal mondo istituzionale e delle associazioni Scuola e cultura italiana all'estero
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Scuola e cultura italiana all'estero

L'indignazione tra i consiglieri della IV Commissione Scuola e Cultura oggi era “talmente alta” che è stato difficile capire chi avrebbe dovuto illustrare alla Plenaria del Cgie la relazione tematica. E come dar loro torto con una riduzione – se pur ufficiosa, come ha tenuto ha precisare ieri il direttore generale Zuppetti – di circa l'80% delle risorse destinate all'insegnamento della lingua italiana nel mondo?

Alla fine la patata bollente è passata nelle mani di Fernando Marzo, che ha confermato: i finanziamenti ai corsi e alle scuole di lingua italiana passeranno dai 27 milioni di euro del 2008 ai 7,5 del 2012, che equivale a dire: “una politica di incertezza totale” e senza alcuna “programmazione futura”, se è vero – come è vero – che i tagli non sono destinati a finire qui.

Lo scoramento è grande, anche nei toni della relazione. “Che risposta daremo ai giovani”, italiani e non, che all'estero hanno sete soprattutto di lingua e cultura italiane? “Quale livello di insegnamento saremo in grado di garantire?”. Le domande sono tante, ma non hanno risposta.

“Ormai si è rotto l'equilibrio nella relazione culturale tra il nostro Paese e gli italiani all'estero”, ha osservato Marzo. “Un'intera serie di corsi ha già chiuso i battenti” e per i consiglieri del Cgie “il punto di non ritorno è vicino”. Occorre dunque “delineare il confine entro cui le istituzioni” e l'Amministrazione degli Esteri in particolare “smettono di essere i nostri interlocutori”, è stata l'amara constatazione di Marzo e colleghi, e “pensare ad iniziative autonome della comunità per tenere accesa la luce della cultura italiana nel mondo”.

Fonte: (r.aronica\aise)

Inizia a Mendoza il corso Ditals per docenti di lingua italiana

La Direzione Didattica del Consolato d’Italia a Mendoza, in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Cordoba e l’Università Nazionale di Cuyo, invitano i docenti di italiano che vogliano aggiornare le proprie conoscenze sull’idioma italiano, ad iscriversi al Corso di Preparazione Ditals, che a Mendoza sarà tenuto dalla docente Elena Monami

La Direzione Didattica del Consolato d’Italia a Mendoza, in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Cordoba e l’Università Nazionale di Cuyo, invitano i docenti di italiano che vogliano aggiornare le proprie conoscenze sull’idioma italiano, ad iscriversi al Corso di Preparazione Ditals, che a Mendoza sarà tenuto dalla docente Elena Monami, proveniente dalla Stranieri di Siena.

Il corso è gratuito e prevede due tappe: la prima in programma domani e il 12 ottobre dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 20.00, rispettivamente nell’Aula C9 e C10, della Facoltà di Lettere e Filosofia della UNCuyo.

La seconda parte del corso si terrà invece nel 2012. Al termine del percorso, sarà consegnato a tutti i partecipanti un certificato.

Per ottenere il Diploma Internazionale "Ditals", gli interessati dovranno sostenere un esame finale, da svolgersi nel 2012. Per iscriversi è possibile scaricare online il modello di domanda nella sezione Borse di Studio, dal sito del Consolat:o www.consmendoza.esteri.it.

Fonte: (aise)

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali