You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Argentina/Uruguay Articoli Dal mondo istituzionale e delle associazioni Associazione Artigiani Italiani: 59 anni in Argentina
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Associazione Artigiani Italiani: 59 anni in Argentina

Molte sono le testimonianze ancora vive dell’artigianato italiano in Argentina. Poco si sa, invece, sull’associazionismo degli artigiani residenti nel Paese

Sul sito dell’Associazione Artigiani Italiani in Argentina, abbiamo trovato un riassunto della storia di questa organizzazione.

Nei primi anni della decade del ‘50 sorge l’iniziativa di fondare un’Associazione degli Artigiani. L’idea nasce da una lettera inviata -da un artigiano- al "Corriere degli Italiani". In seguito, un gruppo di connazionali, basato nel contenuto della suddetta missiva, decide l’avvio dell’Associazione Artigiani italiani di Argentina.

Rappresentanti del gruppo incontrano il Console d’Italia che gli da un importante appoggio, suggerendo la formazione di una Commissione Onoraria, auspicata dal Conte Ernesto Riccardi per far conoscere la millenaria tradizione dell´artigianato italiano e tramandarlo ai loro discendenti.

Questa prima commissione era composta da: un Presidente onorario, l’Ing. Vittorio Vaidani, un Presidente, il Sig. Renato Bisignani, un Direttore Tecnico e Progettista, Ing. Adriano Bruno Rinaldi, un Tesoriere, Ing. Mario Anfossia e un Segretario, Dott. Carlo Felice Piazza.

Inoltre l’Associazione Unione e Benevolenza facilita loro una proprietà sita in via Rodríguez Peña 750, per circa cinque anni, dal 1953.

Con l’appoggio dell’Ambasciatore Giustino Aspesani e della Camera di Commercio Italiana, si porta avanti la prima mostra presso il Palazzo delle Belle Arti di via Posadas 1725, tra il 9 ed il 30 aprile 1953.

Al successo dell’expo collaborarono anche le principali ditte italiane ricevendo lode dai diversi giornali italiani ed argentini.

Il Presidente Domenico Agostini, si lamenta: “Tuttavia, nonostante gli sforzi e l'impegno di tutti, non fu possibile raggiungere quell'iniziale obiettivo, che consisteva nel possedere una sede propria, dove fondare una scuola di artigianato, in tutti i suoi rami...”.

Alcuni dei maggiori esponenti della collettività italiana in Argentina come Vittorio Valdani, Agostino e Roberto Rocca e l’Ingegnere Renato Bisignani, furono ferventi sostenitori dell'Istituzione.

A parte questo, nel giro degli anni, furono allestiti esposizioni -di alto livello di qualità- come quelle inaugurate da noti Capi de Stato come il Presidente Frondizi nel 1960 e il Presidente Gronchi nel 1961.

Ecco perchè Agostini ha detto, riguardo alla sede propria: “Solo realizzando tutto questo, la meta sarà raggiunta e permetterà all'Associazione di svolgere un'opera didattica, culturale e di italianità...”

L’ultima Commissione e’ composta dal Presidente: Domingo Héctor Agostini, Vice - Presidente: Antonio Calculli, Vice - Presidente 2º: Sergio Zanone, Segretaria: Adriana Costa, Vice - Secretaria: Myrtha Moro, Tesoriere: Ettore Angelini, Vice - Tesoriere: Daniel Agnolo. L’Organo di Fiscalizzazione: Gino Angelini, Vocali: Beatrice Miranda in Agnolo, Sauro Lochmans, Estela Iannicelli de Agostini. Vocali Supplenti: Hilda Cazzaniga, Angela Zanone, Annunziato Calla. Rapporti pubblici: Estela de Agostini.

Oggi, l’Associazione conta con circa un centinaio di soci e rappresenta Arti ed mestieri come: Bronzisti, Ceramisti, Cefellatori, Ebanisti, Scultori, Smaltatori, Intagliatori, Fabbri, Gioiellieri, Pellettieri, Liutai, Modellatori, Stilisti, Orefici, Peltrai, Pittori, Argentatori, Sarti, Sellai, Vetrai, Pellicciai e Calzolai, tra l’altro.

 

Jorge Garrappa Albani – Redazione Portale Lombardi nel Mondo

www.lombardinelmondo.org - jgarrappa@hotmail.com

 

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali