You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Argentina/Uruguay Articoli Dal mondo istituzionale e delle associazioni Buenos Aires celebra Italia: festoso omaggio della città alla collettività italiana
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Buenos Aires celebra Italia: festoso omaggio della città alla collettività italiana

Si è svolta la quarta edizione di "Buenos Aires celebra Italia" iniziativa promossa dal Governo della Città di Buenos Aires per rendere omaggio alla collettività italiana e al grande contributo che essa ha dato alla capitale argentina

BUENOS AIRES - "Domenica scorsa si è svolta la quarta edizione di "Buenos Aires celebra Italia" iniziativa promossa dal Governo della Città di Buenos Aires per rendere omaggio alla collettività italiana e al grande contributo che essa ha dato alla capitale argentina, praticamente in ogni campo". Ne dà conto un articolo pubblicato nell'ultimo numero del settimanale diretto da Marco Basti Tribuna Italiana.

"Una trentina di stand lungo duecento metri dell'Avenida de Mayo", si legge nell'articolo che riportiamo di seguito, "hanno proposto tradizioni folkloristiche e gastronomiche di varie regioni italiane, prodotti artigianali, cultura italiana, iniziative sociali, giovanili, storiche, ricreative, sportive, ecc. Numeroso il pubblico, costituito da famiglie di origine italiana in cerca delle proprie radici, da residenti nella città e nei dintorni e da turisti stranieri, che durante sei ore hanno visitato gli stand, fatto domande, assaggiato salumi, formaggi, dolci, pizze e risotti, fatti secondo le tradizioni italiane tramandate dai nonni, accompagnati da canti e balli popolari, folcloristici e lirici che gruppi e artisiti, che si sono alternati nel grande palcoscenico allestito dal Comune, hanno offerto con un entusiasmo che ha contagiato tutti i presenti.

Oltre agli stand delle associazioni regionali (Calabresi, Friulani, Molisani, Laziali, Siciliani, Marchigiani, Campani) e italiane in genere (Unione e Benevolenza, Dame Italo Argentine, Nuove Generazioni, Sportivo Italiano e altre), ce n'erano altri della Feditalia e Fediba, del Comites di Buenos Aires, dell’Enit, dell’Associazione Dante Alighieri di Buenos Aires, dell’Ospedale Italiano. C’erano inoltre i rappresentanti dell’Associazione Italiana "Bomberos Voluntarios de La Boca", con le loro uniformi d’epoca, e alcune macchine Fiat degli anni ‘60 e ‘70, presentate da un gruppo di appassionati della casa torinese.

Da segnalare lo stand della Federazione Marchigiana, con una esposizione di fotografie d’epoca di vari dei principali edifici di Buenos Aires (Casa Rosada, Colegio Marinao Acosta, Teatro Colon, ecc) progettati dall’architetto marchigiano Francesco Tamburini. Un bel modo di far conoscere agli abitanti di Buenos Aires il contributo dato dagli italiani nel campo dell’architettura a questa grande e ammirata città.

Verso le 18 ci sono stati i saluti dei rappresentanti del governo della Città, Julio Croci e Irma Rizzuti, i quali hanno ringraziato quanti si sono impegnati per allestire la manifestazione e gli artisti che si sono presentati, mettendo in risalto inoltre la fierezza delle proprie radici.

Poi ha parlato Luigi Pallaro, presidente di Feditalia, che quest’anno celebra il suo centenario. Anche Pallaro ha ringraziato i partecipanti alla manifestazione che, ha detto, è anche un omaggio a quanti lungo i cento anni della Feditalia hanno tanto lavorato per far grande questo Paese, mantenendo la fierezza delle proprie radici, un omaggio quindi anche a quanti ci hanno preceduto.

Quindi il console generale Giuseppe Scognamiglio ha detto che l’omaggio alla collettività è anche un modo per far capire l’importanza di quanto hanno fatto gli italiani in questo Paese, creando le basi per una grande e durevole amicizia tra i due popoli.

Finiti i saluti, è stato reso omaggio al fondatore della Banda Sinfonica della Città di Buenos Aires, il maestro Antonio Malvagni, italiano, al quale l’allora presidente dell’Argentina, José Figueroa Alcorta, affidò l’incarico di crearla. La nipote di Malvagni ha ricevuto una targa in ricordo ed ha ringranziato la collettività e l’Italia. La bella festa si è chiusa con un concerto della stessa Banda Sinfonica, con musiche classiche e popolari, italiane e argentine, molto applaudito dal numeroso pubblico presente". (aise)

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali