You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Argentina/Uruguay Articoli Dal mondo istituzionale e delle associazioni Cittadinanza italiana? Aspetta fuori e fai la fila!
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Cittadinanza italiana? Aspetta fuori e fai la fila!

"Dormire e aspettare fuori ad un Consolato" è il titolo dell’articolo che Natalia Garcia ha scritto per il quotidiano online - la voz - descrivendo quanto accade fuori dal Consolato italiano di Cordoba. Cioè file di connazionali - "più di 100 persone", scrive la giornalista – che dormono fuori in attesa del proprio turno per la cittadinanza

Cordoba: "Dormire e aspettare fuori ad un Consolato" è il titolo dell’articolo che Natalia Garcia ha scritto per il quotidiano online www.lavoz.com.ar, descrivendo quanto accade fuori al Consolato italiano di Cordoba. Cioè file di connazionali - "più di 100 persone", scrive la giornalista – che dormono fuori in attesa del proprio turno per la cittadinanza.

 

Il Consolato di Cordoba, dal canto suo, fa quello che può: negli ultimi giorni ha pubblicato avvisi per delle "liste straordinarie", stabilendo un giorno (il venerdì, dal prossimo 15 luglio) dedicato alle pratiche dei residenti nella provincia.

 

Ogni giorno vengono ricevute 30 persone, ma, scrive Garcia, gli italiani si sono organizzati: "se passi di fronte al Consolato, vedrai sempre qualcuno che aspetta, 24 ore al giorno, compreso il fine settimana. Ognuno ha una lista di 30 persone in mano, con generalità e numero di telefono. "Ho la mia lista e copro un turno di 6 ore", spiega Mariano, che oggi tiene la fila per le 30 persone che saranno ricevute il 28 luglio. Più tardi lo sostituirà qualcun altro. "In tutto sono venuto 3 volte, sei ore a volta”, dice un altro giovane. "Ognuno porta con sé di tutto per stare più comodi possibile". Dietro, sta Emilse che giovedì scorso ha cominciato un nuovo gruppo. "Per adesso siamo i quattro della mia famiglia che dovremmo essere ricevuti il 1º di agosto; non appena viene qualcun altri cominceremo a formare la lista dei 30 ed a ruotarci", mi spiega la donna che aveva ottenuto il suo turno per il 2014 via internet, prima che perdesse validità con la nuova modalità. "Qua devono venire a fare una foto di notte; veniamo a dormire qui per non perdere il posto e mantenere l'organizzazione che noi da soli siamo riusciti a darci", dice Analía. Un'altra persona aggiunge: "quello che abbiamo organizzato noi, poteva farlo il Consolato, così invece di aspettare qui in strada potevamo starcene a casa". Questa gente – scrive Garcia – vuole ancora la cittadinanza italiana, nonostante la crisi che vivono in Europa".

 

"Il consolato – si legge ancora – ha spiegato che stanno lavorando ad "un sistema di turni migliore", chiarendo che "nessuno perderà il diritto" al riconoscimento della cittadinanza. "La gente è libera di organizzarsi come vuole; quando apriamo gli uffici diamo 30 numeri, come abbiamo già detto", spiegano dal Consolato. Nel frattempo, dicono ancora dal Consolato, i connazionali che risiedono all'interno della provincia, "potranno accedere ogni venerdì a partire dal 15 di questo mese". Devono prenotarsi e inserirsi così in un elenco che, però, "non determina l'accesso automatico al consolato, è per questo che si chiede pazienza"".

 

Spietati i commenti all’articolo, tutti praticamente contro l’Italia. C’è chi ammette che vuole la cittadinanza solo per girare liberamente in Europa, perché non ha intenzione di vivere qui, ma anche chi scrive di "mentalità italiana terzomondista", di un paese che "tratta meglio gli immigrati che i suoi discendenti". E poi c’è "milanesadechancho" che osserva: "il giorno in cui la gente che vive in questo Paese si definirà di nazionalità argentina e non "discente di italiani" le cose andranno molto meglio per tutti".

 

Fonte: (aise)

 

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali