You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Argentina/Uruguay Articoli Dal mondo istituzionale e delle associazioni Dodici accordi bilaterali tra Italia e Argentina
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Dodici accordi bilaterali tra Italia e Argentina

Nei rapporti tra Italia e Argentina si sta aprendo una nuova stagione. Lo ha sottolineato il ministro degli Affari Esteri, Franco Frattini, in missione a Buenos Aires, dove insieme al collega Hector Timerman ha firmato dodici accordi nell'ambito della commissione economica mista

Dodici accordi bilaterali, maggiore attenzione alle Pmi e nuove relazioni nel sistema bancario. Si chiude positivamente il bilancio della visita in Argentina del ministro degli Esteri, Franco Frattini. Dopo una lunga assenza dall'Argentina (questo é il primo viaggio a Buenos Aires, da dieci anni, di un ministro degli Esteri italiano).

I due Governi hanno firmato 12 accordi nell'ambito di una commissione mista, costituita da Frattini, il suo omologo argentino Hector Timerman, il sottosegretario agli Esteri Vincenzo Scotti, quello argentino Guillermo Kreckler e altri rappresentanti delle istituzioni. Frattini é stato inoltre ricevuto dalla presidenta Cristina Fernandez de Kirchner.

Tra le intese siglate spicca quella tra l'Ice e la Fundacion Exportar, tra l'Agenzia spaziale italiana (Asi) e l'Argentina Conae, tra l'Istituto nazionale di Oceanografia e geofisica sperimentale di Trieste e quello di Mar del Plata. Infine tra l'Universitá di Pisa e la Sociedad Electrica Argentina.

Un altro tema affrontato con convergenza di vedute é stato quello relativo alle Piccole e medie imprese. Frattini ha affermato che «quello delle Pmi resta un modello vincente».

Alla missione ha partecipato anche il presidente dell'Ice, Umberto Vattani.

L'idea di politica economica e commerciale che è stata presa in considerazione é quella di creare un distretto industriale nel Paese. Restano aperti alcuni problemi, tra cui la difficoltá di importare merci italiane e il conseguente blocco doganale. La politica industriale argentina é orientata a ridurre il peso delle importanzioni e per questo molti Paesi europei esportatori, tra cui l'Italia, hanno patito un'eccessiva regolamentazione. Per questo si é profilata la possibilitá di aprire un foro di diaologo permanente con i rappresentanti di entrambi i Paesi.

Tra i presenti alla missione di Frattini c'era anche il presidente di Telecom Italia, Gabriele Galateri.

Dopo le tensioni con le autorità argentine superate nel 2010, per Galateri questo é un momento di grande collaborazione con i nostri soci e con le istituzioni argentine . E poi ancora: «Prevediamo la possibilitá, non solo di consolidare ma di sviluppare la nostra attività». Infine ha ricordato l'importanza dello sviluppo delle tlc nella crescita di economie in forte espansione come Argentina e Brasile.

Il Sole 24 Ore

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali