You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Argentina/Uruguay Articoli Dal mondo istituzionale e delle associazioni Macri: Italia-Argentina "identità comune"
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Macri: Italia-Argentina "identità comune"

Intervista dell'ANSA al nuovo presidente argentino

Italia e Argentina condividono "un'identità comune, abbiamo tanto da fare insieme". A sottolineare i rapporti tra quelli che sono "più di due nazioni amiche"
è un italo-argentino del tutto particolare, Mauricio Macri, nuovo presidente del Paese, dopo la vittoria ieri al ballottaggio.

Macri, 56 anni nato a Tandil, nella provincia di Buenos Aires, sangue calabrese nelle vene, in un'intervista giovedì all'ANSA ha affrontato il tema dei rapporti bilaterali e delle
relazioni con l'Ue, senza mai dimenticare la propria provenienza. "La mia è la storia di milioni di argentini la cui origine è l'Italia, una presenza permanente nella mia vita - ha detto Macri - mio padre e i fratelli, la famiglia, che viene dalla Calabria. L'anno scorso sono stato a Polistena, dove vive una prozia, un viaggio pieno di emozioni profonde: la lingua, il suono delle parole, l'accento, il cibo, tutto fa parte della mia identità". "L'Argentina è fatta dai suoi popoli originari e dagli immigranti di tutto il mondo. Qualche volta sento di rappresentare la volontà degli immigranti, quel sogno di 'fare l'America' che li ha portati qui con uno sforzo e una volontà incrollabile. L'Italia è la mia famiglia".

Alla domanda su come impostare il rapporto Italia-Argentina, Macri sottolinea diversi fronti. "La diplomazia è una strada, non l'unica", precisa, puntando inoltre su "investimenti, commercio, cultura, ricerca, scienza: tutti i ponti sono benvenuti, andiamo verso una cultura dell'incontro, così come accade peraltro tra gli argentini, e tra gli argentini e il mondo". E quali sono i settori chiave per rafforzare l'asse Roma-Buenos Aires? "Tra i più vari, in quanto più diversifichiamo maggiori sono i benefici e le possibilità di allargare il commercio e gli investimenti. Per esempio, le telecomunicazioni, strategiche per il futuro, oppure la metallurgia e l'auto, l'alimentare, le industrie culturali e creative, area nella quale entrambi i nostri paesi hanno un ruolo importante nel mondo". In questo contesto c'è spazio per le piccole e medie imprese? "Condividiamo un reticolato produttivo con una forte predominanza delle pmi, fondamentali per creare lavoro e valore aggiunto. Guardiamo con interesse alle esperienze italiane del modello associativo e cooperazione imprenditoriale, che favoriscono le 'best practice', le economie di scala e la competitività".

L'Europa? Qual'è lo sguardo di Macri verso l'Ue? "Abbiamo molto da fare, tramite l'Argentina e il Mercosur. Condividiamo valori e idee, siamo insieme nell'impegno sui diritti umani e la difesa della democrazia. E siamo d'altro lato dalla stessa parte nella lotta al terrorismo. Porteremo avanti l'approfondimento e l'allargamento dei rapporti con l'Ue".

Infine, il Papa argentino: "siamo molto orgogliosi del suo pontificato. Ne conosciamo personalità e idee. La sua visione del mondo va molto al di là degli aspetti strettamente
religiosi. E la sua presenza a Roma, e comprensione delle realtà sociali latinoamericane, danno alla lotta alla povertà una dimensione spirituale ed etica che per noi rappresenta una guida".

 

www.ansa.it

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali