You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Argentina/Uruguay Articoli Dal mondo istituzionale e delle associazioni Il ministro Frattini in visita lampo in Argentina
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Il ministro Frattini in visita lampo in Argentina

Il primo di aprile 2011, per la prima volta da dieci anni a questa parte, è arrivato in Argentina un Ministro degli esteri italiano, ma non ha visto gli italiani

Il portale Italiano.it ha così titolato la pagina dedicata alla visita del ministro degli esteri Frattini in Argentina :” Frattini non ha avuto il tempo di incontrare la più grande comunità italiana nel mondo perché doveva andare a vedere il ghiacciaio Perito Moreno”.

Purtroppo la sua visita è durata neppure una giornata intera, tanto che non ha avuto il tempo di incontrare la più grande comunità italiana all’estero del mondo, alla quale ha indirizzato un messaggio. Si è limitato ad incontrare la Presidente Cristina Kirchner, il suo omologo Timmerman e via, è ripartito. Alla volta dell’Italia dove lo attendevano impegni gravosi e delicati, come la situazione in Libia o quella degli immigrati clandestini?

No. Il ministro, con tutto la comitiva al suo seguito, è volato per El Calafate, la città a sud della Patagonia a più di 3.000 km. da Buenos Aires.

Si era evidentemente deciso che fosse indispensabile la presenza del Ministro degli esteri italiano per firmare un accordo fra il governo italiano e l'Amministrazione dei Parchi Nazionali Los Glaciares di El Calafate quando a controfirmare non era né un Presidente della repubblica né un ministro, ma dalla direttrice dei Parchi Nazionali, Ana Balusubic.

L’accordo prevede genericamente l’interscambio di conoscenze ed esperienze fra le amministrazioni dei Parchi nazionali dei due paesi.

Espletato questa importante (?) missione, tutta la brigata, Frattini in testa, si è recata a visitare il Perito Moreno, il famoso ghiacciaio del Polo Sud, una delle mete turistiche più esclusive.

Guitto ha risposto con questo messaggio il 9 aprile 2011 :”ma va l'a...ma va l'a. Calafate é la residenza della Presidentessa Argentina, ed é il luogo dove riposa in pace il grande ex presidente dell´Argentina, Nestor Kirchner, sposo, in vita della attuale Presidente Cristina. Quella é sta una visita di stato!!!! Cosí è, giustamente si fa politica. Imparate, imparate dai maestri...Grande il Frattinex...Jejeje”.

Alicia Mastandrea,  Diputada Provincial y Senadora Nacional Mandato Cumplido ha poi aggiunto in data 9 aprile 2001 : “Desde la provincia argentina de Chaco,la Comunidad con ciudadanía italiana le hemos enviado hace tiempo una consulta. Hubiera sido importante para nosotros que nos haya dado una audiencia, aunque sea en el Aeroparque de Ezeiza”.

 

Glicina scrive in data 10 aprile : Se lei è sincero, dovrà ammettere che con il governo dell’ ex-presidente e anche con la moglie, la comunità italiana è stata lasciata da parte, e prevalsa l' indifferenza verso la nostra immigrazione in Argentina. Mai da parte dell’ ex-presidente e della attuale mandataria si è fatto un solo omaggio per ringraziare tutto quello che gli italiani hanno lavorato in questo paese. Adesso pare, vicino alle elezioni, che abbiano scoperto tutti i discendenti che andranno a votare e cominciano a muoversi, però io non dimentico i dispregiativi che furono usati verso  noi italiani”.

L’11 aprile gabri aggiunge : “Non conoscere e non riconoscere la nostra massiccia emigrazione all'estero ci rende insensibili alle nuove migrazioni, ci fanno vergognare di essere italiani e non lo meritiamo!”.

L’Argentina appare come un paese che tuttora dimostra di avere i nevi scoperti in tema di emigrazione e immigrazione. Certamente dei rapporti più stretti e continui, senza pregiudizi da ambo le parti, contribuirebbero a riportare tutto  l’interscambio a un livello molto più elevato. Si dà per scontato che l’Argentina sia stata ben colonizzata dagli italiani, e poi spesso ci si dimentica di conoscerne la storia passata e quella recente, soprattutto quella migratoria.

 

Da : www.italiano.it

Ernesto R Milani

Ernesto.milani@gmail.com

11aprile 2011

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali