You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Argentina/Uruguay Articoli Storia ed emigrazione Cesare Civita: dagli Stati Uniti alla Pampa
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Cesare Civita: dagli Stati Uniti alla Pampa

La storia dell'ebreo italiano che ha segnato la storia dell'editoria argentina: Cesare Civita fonda nel 1941 la famosa casa editrice “Abril”, specializzata in testi per bambini e fumetti

Sul vapore “Washington” -della U.S. Lines- salpato dal porto francese di Le Havre l’11 settembre 1939, torna al New York un italiano di trentaquattro anni: Cesare Civita. Sfugge alla guerra e alle persecuzioni razziali degli ebrei. In America lo aspettano i suoi parenti.

Cesare nasce nel 1905 a New York da genitori italiani. Vive in Lombardia fino al 1938. Sposa Mina, con cui avrà tre figli: Adriana, Carlo e Barbara.

Cesare Civita, prima di ritornare in America, era direttore di una delle case editrici più importanti d'Italia: la Mondadori creata da Arnoldo Mondadori.

Come Rocca nel ‘46, Civita nel ’41 -assieme ai soci Alberto Levi, Paolo Terni, Leone Amati e Manuel Dienafonda (ebrei italiani come lui)- fonda in Argentina la famosa casa editrice Abril, specializzata in testi per bambini e fumetti come: Piccoli grandi libri, Misterix, Salgari, Donald, ecc.

L’attività dell’editrice Abril si sviluppa tra gli anni quaranta e settanta con grande successo nei settori: foto giallo (Idilio e Nocturno), riviste femminili (Claudia), riviste di politica e attualità (Panorama, Semana Grafica, Siete Días Ilustrados) e fascicoli di enciclopedie (in combinazione con la Rizzoli).

La casa editrice crea un proprio ufficio, la rete di distribuzione e allarga la sua attività in Brasile e Messico con filiali in quei paesi.

Cesare Civita, nel frattempo partecipa alla lotta antifascista degli italiani al Plata finanziando l’Associazione ed il giornale Italia Libre.

Quando cantanti e attori italiani noti arrivano per una tournee in Argentina, Civita li ospita a casa sua.

Come Rocca, a metà degli anni ’70, l’editrice Abril deve affrontare prima l’ostilità del governo di Peròn e sua moglie Isabel, e poi dei militari che lo subentrano.

Il parallelismo tra Civita e Rocca ci porta pure negli Stati Uniti, paese in cui entrambi avevano imparato tecniche industriali e aziendali moderne e preso contatto con potenti gruppi e partner come la Banca Commerciale Italiana o la compagnia Walt Disney.

Il triangolo Italia – Stati Uniti – Argentina punta fortemente al controllo del mercato vergine latinoamericano, approfittando il know how italiano, l’organizzazione imprenditoriale americana e la forte presenza della collettività italiana in Argentina.

Questo triangolo aureo contribuisce comunque alla modernizzazione culturale e allo sviluppo economico dell’Argentina.

Ma la creazione di una società mista -in quel momento storico- per produrre la carta da stampa, scatena conflitti tra politici e militari. Anche se l’origine di questo conflitto risale agli anni ’40, quando Civita contratta vari intellettuali antiperonisti e a volte comunisti, guadagnandosi il motto di casa editrice di sinistra.

D’altronde, Civita vende un prodotto (carta - stampa e riviste) che, il Potere vuole controllare politicamente ed economicamente.

Ecco perchè, prima Peròn e poi i militari, riescono a impossessarsi della sua azienda -la fabbrica Papel Prensa e la editrice Abril- tramite loro testa ferri.

Civita si vede obbligato finalmente a vendere le sue azioni e poco dopo lui stesso, la sua famiglia e i collaboratori ricevono minacce di morte, sia dai Montoneros sia dai militari.

Decidono quindi di andare in esilio nel 1975 –prima in Brasile e poi in Messico- e in seguito di vendere la società in Argentina.

Cesare Civita, il fondatore dell’Editrice Abril, muore a Buenos Aires a 99 anni d’età, il 9 aprile 2005.

 

Jorge Garrappa Albani – Redazione Portale Lombardi nel Mondo

www.lombardinelmondo.org - jgarrappa@hotmail.com

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali