Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Argentina/Uruguay Articoli Storia ed emigrazione Corso Buenos Aires: la strada “Universale” di Milano
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Corso Buenos Aires: la strada “Universale” di Milano

Subito dopo l’Esposizione di Milano nel 1906, cambiò nome, da Corso Loreto divenne Corso Buenos Aires. Fu anche la prima strada di tipo americana in una città dalla struttura urbanistica sostanzialmente medioevale. Con i suoi 1.600 metri, pare che sia la arteria commerciale più lunga d’Europa, di Jorge Garrappa

Pressochè tutta Milano ha festeggiato l’assegnazione, al capoluogo lombardo, dell’Expo 2015 con la grande «Victory Parade» in stile newyorchese lungo corso Buenos Aires.

 

 

Ma perche la scelta di questa strada, per festeggiare una conquista importantissima per il futuro della città, invece, per esempio della tradizionale piazza Duomo?

 

C’era una ben precisa intenzione storica e celebrativa. Infatti si era voluto così legare l’Expo del 2015 con la prima Esposizione universale ospitata da Milano nel 1906.

 

A quell’epoca, il senatore Cesare Mangili, assieme il sindaco Ettore Ponti, volevano promuovere internazionalmente Milano, come capitale industriale, economica e commerciale d’Italia, indicandone le linee di sviluppo che l’attendevano nel XX secolo, appena iniziato.

 

L’esposizione interessò principalmente gran parte dell’area di Porta Venezia. Allora corso Buenos Aires si chiamava corso Loreto, perché in fondo, in piena campagna, su quella che era la strada per Venezia, c’era una chiesetta dedicata alla Madonna di Loreto,  protettrice degli aviatori. Corso Loreto proprio come l’attuale piazzale, diventato storicamente e tragicamente noto in tutta Italia il 29 aprile 1945, quando vi furono esposti appesi per i piedi a un distributore di carburante i cadaveri di Benito Mussolini e sua compagna, Claretta Petacci.

 

Subito dopo l’Expo cambiò nome e divenne corso Buenos Aires. Una scelta, anche questa, legata all’esposizione.

 

I primi paesi ad aderire all’evento furono, infatti, l’Argentina e il Perù, evidentemente anche per effetto della forte emigrazione di quegli anni dal Sud d’Italia verso le Americhe: un fenomeno di dimensioni bibliche, cinque milioni di persone dal 1881 al 1911. Ecco perché, dunque, corso Buenos Aires. Ed ecco perché, lungo il suo tracciato, piazza Lima e piazza Argentina a ricordo delle capitali di degli stati sudamericani.

 

Si dice che, con i suoi 1.600 metri -1 miglio americano-, è la più lunga arteria commerciale d’Europa, con un fatturato quotidiano complessivo tra i più alti al mondo, giacché nel suoi negozi entrano ogni giorno almeno 100 mila persone.

 

Fu anche la prima strada di tipo americana in una città dalla struttura urbanistica, dentro la cerchia dei bastioni, sostanzialmente medioevali.

 

Per la sua lunghezza, le centinaia di negozi e le molteplici lingue che si sentono parlare, Corso Buenos Aires viene anche associato alla Terza Avenue di New York City.

 

 

Jorge Garrappa Albani – Redazione Argentina – 01/08/2009

jgarrappa@hotmail.com

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

Dall'Italia si continua a partire

Si dice e si ripete che dal 1973 l’Italia non è più terra di emigrazione. Si tratta però di un’affermazione vera solo a metà. In quell’anno si è registrato infatti lo storico sorpasso fra chi parte dal nostro paese e chi decide di trasferirvisi. Questo non vuol dire che non si parta più.continua>>
Altro…