You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Brasile Articoli Cultura e curiosita' Brasile - Depero arriva a San Paolo dal 30 gennaio al 27 marzo
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Brasile - Depero arriva a San Paolo dal 30 gennaio al 27 marzo

Depero, futurista e artista globale
Brasile - Depero arriva a San Paolo dal 30 gennaio al 27 marzo

Uno dei manifesti di Depero per la marca Campari

Il Brasile ricorda Fortunato Depero con la mostra "Depero, futurista e artista globale". L'esposizione, inedita nel paese latino americano, porta a San Paolo dal 30 gennaio al 27 marzo 65 opere dell'artista, uno tra i grandi nomi del movimento Futurista italiano e precursore della Pop Art. Per l'occasione sara' esposta un'ampia selezione della produzione grafica dell'artista, principalmente realizzata nell'ambito della sua relazione con la pubblicita'. Depero, che oltre alla pittura si dedico' anche al design grafico, e' il responsabile per i manifesti della marca italiana di bevande Campari.

Partecipo' del movimento Futurista nel 1914 e l'anno dopo, assieme a Giacomo Balla, lancio' il manifesto "Ricostruzione futurista dell'universo", nel quale difendeva la nozione dell'opera d'arte totale: l'uomo moderno circondato da oggetti futuristi ("La strada sara' la nostra galleria", diceva). Curata da Maurizio Scudiero, la mostra incontra nella nuova sede del MAC-USP il contesto ideale per il suo allestimento, anche in virtu' del dialogo e dei rimandi che si instaurano con la ricchissima collezione di arte contemporanea italiana del museo. L'evento e' stato realizzata dall'Istituto italiano di cultura (Iic) di San Paolo e conta con il sostegno di Alitalia. Inoltre, fa parte delle iniziative per l'Anno dell'Italia in America Latina.

 

www.esteri.it


Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali