You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Brasile Articoli Dal mondo economico ed istituzionale Conferenza Mondiale sul Turismo Sociale a San Paolo
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Conferenza Mondiale sul Turismo Sociale a San Paolo

Si terrà a San Paolo, Brasile, la prossima Conferenza Mondiale sul Turismo Sociale dal 7 al 10 ottobre 2014. Per la prima volta nella sua storia, l’Organizzazione Internazionale per il Turismo Sociale (ISTO) organizza questa conferenza in uno Stato dell’America del Sud grazie all'invito del Serviço Social do Comércio di San Paolo (SESC SP); il suo membro più anziano nelle Americhe.

Il tema principale del Congresso sarà "il turismo come base per lo sviluppo – l’unità nella diversità” e si concentrerà su quattro linee di riflessione: turismo e integrazione, turismo e istruzione, turismo e solidarietà e turismo e sostenibilità.

Attraverso sessioni plenarie, gruppi di lavoro e workshop, la conferenza presenterà un panorama ricco e diversificato di "turismo dello sviluppo" in diversi continenti, con dibattiti sul diritto di viaggiare, sul turismo come mezzo di incontro tra persone e sulla convergenza delle culture.

Le considerazioni teoriche saranno anche legate a buone pratiche nello sviluppo del turismo, fornendo momenti per approfondire discussioni sul turismo sociale, turismo responsabile, turismo delle comunità e turismo sostenibile.

Che cos'è l'ISTO? L’Organizzazione internazionale del turismo sociale è un’organizzazione internazionale non-profit la cui missione è quella di promuovere l’accesso al turismo per tutti, con particolare attenzione ai gruppi di popolazione a basso reddito. Con una rete di soci presenti nei vari continenti, OITS è oggi considerato il vero e proprio ufficio dell’Organizzazione Mondiale Turismo. I membri del OITS comprendono associazioni, sindacati, cooperative, organizzazioni private e pubbliche amministrazioni in carica del turismo.


L'Idea di Turismo come lo conosciamo oggi è emersa nel XIX secolo. A quel tempo era riservato a una élite borghese in quanto le leggi che regolano il lavoro non ha fornito lasciare per i dipendenti che dovevano lavorare tutti i giorni, domenica compresa. Le possibilità di andare in vacanza per la stragrande maggioranza dei cittadini sono stati molto limitati. Nel 1936, l’adozione da parte dell’Organizzazione internazionale del lavoro (OIL) n. 52 in materia di congedo pagato, firmare il punto di partenza per il turismo sociale. Il principio di questa convenzione sarà anche incluso nella Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo del 1948 dove si afferma che “tutti hanno il diritto al riposo ed allo svago, comprendendo in ciò una ragionevole limitazione delle ore di lavoro e al ferie periodiche retribuite. ” Quindi possiamo dire che il turismo sociale è nata da un reclamo etico proposto da attivatore, la cui legittimità poggia sul diritto, il diritto al turismo, naturale estensione del diritto al lavoro e riposo , delle ferie e vacanze. Alcuni storici ritengono, tuttavia, che il turismo sociale era iniziato decenni prima con la creazione di campi estivi per i bambini svantaggiati (attività in seguito riconosciuto per il suo valore educativo, e quindi estesa a tutte le classi ) e la comparsa di ostelli della gioventù agli albori del ventesimo secolo.

Campeggio sistema e alloggio presso l’abitante è anche apparso nel tardo XIX secolo. A quel tempo, la maggior parte delle strutture turistiche erano di proprietà privata, se le organizzazioni che hanno lo scopo di promuovere il turismo di accedere a una popolazione più ampia, o di imprese commerciali.

Non è stato fino alla fine del secondo Prima Guerra Mondiale ad emergere in alcuni paesi la politica sociale del turismo, soprattutto con la pietra (con la costruzione, ristrutturazione, ammodernamento delle attrezzature e infrastrutture) e di sostegno personale (misure volte a facilitare partenze in vacanza). Numerose associazioni ha visto anche il giorno, guidati dai sindacati, movimenti familiari, comitati, aziende, ecc. tutti dedicati allo sviluppo e l’espansione del turismo sociale. In aggiunta a queste associazioni, spesso definite a livello nazionale, è apparso anche dopo la guerra federazioni, organizzazioni nazionali e internazionali che lavorano insieme per lo stesso scopo . Tale è il caso della Federazione Internazionale di Campeggi e roulotte e la Federazione internazionale degli ostelli della gioventù. E ‘in questo contesto che verrà creato dopo, nel 1963, l’Ufficio internazionale del Turismo Sociale (BITS) che principale fondatore, Arthur Haulot, sarà per molti anni per la promozione e lo sviluppo del turismo sociale in tutto il mondo.

Fonte: www.vivi-areaindustriale.mn.it

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali