You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Brasile Articoli Storia ed emigrazione Fabio Porta inaugura a Jaraguá do Sul la “Chiesetta Alpina” dedicata a tutti i migranti
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Fabio Porta inaugura a Jaraguá do Sul la “Chiesetta Alpina” dedicata a tutti i migranti

A pochi mesi dalla sua visita a Jaraguà do Sul, dove aveva voluto visitare il cantiere dei lavori della “chiesetta degli emigranti”, l’On. Fabio Porta, deputato Pd eletto in Sud America, ha mantenuto l’impegno preso con le autorità e la collettività italiana dello Stato di Santa Catarina ed ha partecipato all’inaugurazione del monumento.

Nel corso di una solenne cerimonia, iniziata con la Santa Messa celebrata dal vescovo di Blumenau, Giuseppe Negri, alcune centinaia di persone hanno reso omaggio alle tante generazioni di migranti che da ogni parte del mondo sono giunte in Brasile e nel resto del mondo affrontando spesso difficoltà e sacrifici immensi.

Presenti il Sindaco della città, il Console Generale d’Italia, Salvatore Di Venezia, una delegazione italiana della provincia di Belluno, rappresentanti del Comites e del Cgie e numerose autorità locali.

La “chiesetta alpina” nasce a seguito di una idea di un gruppo di italiani residenti in Brasile, e in particolare del veronese Franco Gentili, oggi Presidente del Centro Italiano di Florianopolis.

Il sogno di Gentili si è realizzato grazie alla partecipazione e all’attiva condivisione di tanti soggetti: in primo luogo della famiglia Spezia, che ha donato il terreno dove oggi è stata costruita la chiesa, e di tanti benefattori, coordinati dall’imprenditore catarinense Vicente Donini.

“Si tratta di un monumento a tutti i migranti del mondo – ha detto Porta – che dovrebbe essere presente in ogni città italiana, a perenne ricordo di quei 28 milioni di nostri connazionali che nel corso di oltre un secolo hanno lasciato la loro terra natale”.

“Sono emozionato e grato alla determinazione degli ideatori di questo progetto – ha aggiunto il deputato eletto in Sudamerica – che anche questa volta hanno confermato che nulla è impossibile per questa grande collettività italo-brasiliana, quando si hanno obiettivi chiari e mete condivise. È anche un insegnamento ed insieme un messaggio alle istituzione italiane – ha concluso il parlamentare – che dovrebbero valorizzare e rispettare di più questa coraggiosa e straordinaria comunità, in grado di unirsi anche a proprie spese per mantenere viva la memoria della grande epopea migratoria e forte il legame con la madrepatria”.

Fonte: aise

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali