Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Consiglio Regionale Articoli Notizie Consiglio regionale, Commissione Agricoltura: riorganizzazione parchi regionali, fondo per le Valli Prealpine e coltivazione della canapa
Accedi a ..
Ratio Informa .....
Collegamento alle informationi di Ratio Srl
In Evidenza ...
Logo_giubileo60.png

Consiglio regionale, Commissione Agricoltura: riorganizzazione parchi regionali, fondo per le Valli Prealpine e coltivazione della canapa

29 novembre 2017 - La Commissione Agricoltura, presieduta da Alberto Cavalli (FI), ha audito questo pomeriggio i presidenti e i direttori dei parchi lombardi Parco della Valle del Ticino, Parco della Valle del Lambro, Parco Adda Sud, Parco Oglio Nord e Parco Oglio Sud in relazione al parere richiesto dalla Giunta regionale sulla riorganizzazione dei parchi a seguito della legge regionale 28/2016

I responsabili dei parchi hanno presentato le criticità del percorso di aggregazione e le difficoltà riscontrate sul territorio. La Commissione ha quindi votato all’unanimità la richiesta alla Giunta di ritirare il provvedimento: si è astenuto il relatore Francesco Dotti (FdI).

La Commissione ha quindi dato parere favorevole a maggioranza al Fondo regionale territoriale per lo sviluppo delle Valli Prealpine (relatore Emanuele Monti, Lega Nord), con un’osservazione che chiede di assegnare al fondo 6 milioni di euro per il 2018 e 2019, dando la priorità ai Comuni delle zone omogenee del primo bando.

Infine è stato votato all’unanimità la proposta di Risoluzione “Promozione della coltivazione e della filiera agroindustriale della canapa”. Il documento è stato presentato dai Consiglieri del M5S Andrea Fiasconaro e Silvana Carcano, con l’obiettivo di dare una risposta a un settore in crescita, che mira a reintrodurre la coltivazione della canapa in Lombardia e renderla nuovamente una coltivazione remunerativa per le aziende e gli agricoltori . (Fonte Uff. stampa Consiglio RL)

di Maurizio Pavani

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

L’emigrazione e' un valore tutelato dalla Costituzione

La Repubblica “riconosce la libertà di emigrazione, salvo gli obblighi stabiliti dalla legge nell’interesse generale, e tutela il lavoro italiano all’estero”. Il terzo e ultimo comma dell’articolo 35 della Costituzione italiana inserisce la nostra emigrazione fra i valori costituzionalmente tutelati, ma non si tratta di uno dei passaggi più citati della nostra carta fondamentale.continua>>
Altro…