Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Consiglio Regionale Articoli Notizie Bilancio di previsione Consiglio regionale: in cinque anni risparmi per 8 milioni e 550 mila euro
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Bilancio di previsione Consiglio regionale: in cinque anni risparmi per 8 milioni e 550 mila euro

Milano 19-20 dicembre - il documento, illustrato dal Vice Presidente Fabrizio Cecchetti nell’ultima Commissione Bilancio, andrà in Aula per l’approvazione prevista a dicembre

Nel corso degli ultimi cinque anni il Consiglio regionale con il taglio ai costi della politica e alle spese ha risparmiato 8 milioni e 550 mila, un vero e proprio “tesoretto” che è stato utilizzato per dare risposte ai bisogni della società lombarda.

Il dato è emerso in Commissione Bilancio del 1 dicembre, presieduta da Alessandro Colucci (Lombardia Popolare) nel corso della presentazione del Bilancio di previsione 2018-2020 del Consiglio regionale, documento che andrà al vaglio dell’Aula per l’approvazione durante la Sessione di Bilancio convocata per i prossimi 19 e 20 dicembre.

Il Vice Presidente del Consiglio Fabrizio Cecchetti (Lega Nord), relatore della norma, ha sottolineato come i risparmi siano stati importanti per dare attuazione a interventi concreti finalizzati ai disagi, ai poveri, alla solidarietà anche verso popolazione di altre regioni colpite dal terremoto, e per dare il via  a uno specifico programma di borse di studio e di tirocini formativi che ogni anno viene finanziato proprio con i risparmi dell’Assemblea regionale.

Il bilancio di previsione per la prima volta scende sotto i 60 milioni: nel complesso le spese sono inferiori rispetto all’importo massimo consentito per legge.

In ufficio di Presidenza il provvedimento è stato approvato con 4 voti favorevoli. Astenuto il Movimento 5 Stelle che ha spiegato il voto con la necessità che il Consiglio tagli definitivamente le spese per i Patrocini. (Fonte Uff. stampa Consiglio RL)

di Maurizio Pavani

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

Dall'Italia si continua a partire

Si dice e si ripete che dal 1973 l’Italia non è più terra di emigrazione. Si tratta però di un’affermazione vera solo a metà. In quell’anno si è registrato infatti lo storico sorpasso fra chi parte dal nostro paese e chi decide di trasferirvisi. Questo non vuol dire che non si parta più.continua>>
Altro…