You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Consiglio Regionale Articoli Notizie Brebemi. Regione Lombardia: opera favorisce ricadute positive sul territorio
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Brebemi. Regione Lombardia: opera favorisce ricadute positive sul territorio

Milano, 18 febbraio 2019 - La realizzazione della Brebemi ha generato benefici diretti e ricadute indirette su un territorio che interessa 5 Province, 114 Comuni, 640.000 abitanti e 250.000 lavoratori. I benefici diretti sono soprattutto quelli economici, con una riduzione del costo del trasporto (tempi, carburante, costi operativi), ambientali con una diminuzione delle emissioni di CO2 e dell'inquinamento ambientale e acustico e sociali, con una riduzione dell'incidentalità.

Per quanto riguarda i benefici indiretti, ha particolare rilevanza la maggiore connessione dei territori che ha impatti positivi sul sistema logistico/produttivo, con una maggiore competitività delle imprese attive, sull'occupazione generata dai nuovi insediamenti e dalla crescita delle imprese esistenti, sul settore immobiliare con un aumento delle transazioni e, di conseguenza, dei valori immobiliari. Migliorata l'accessibilità a Milano, Brescia e tutti i centri urbani lungo il tracciato (qualità della vita, ospedali di Milano e Brescia, Aeroporto di Linate) e la visibilità dei comuni attraversati da A35 Brebemi.

Questi i principali numeri dello studio realizzato da AGICI Finanza d'Impresa e presentato alla presenza, fra gli altri del presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, e degli assessori Claudia Maria Terzi (Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile) e Raffaele Cattaneo (Ambiente e Clima).

Fontana: Brebemi sta avendo grande successo - Secondo il presidente Fontana gli effetti "sono molto positivi. Certo ci vuole tempo perché un'infrastruttura venga riconosciuta, accettata e utilizzata. Alla fine però la Brebemi sta avendo un grande successo. La stessa cosa è successa con la prima parte della Pedemontana che, pur non essendo ancora completata, sta avendo incrementi di utilizzo che raddoppiano ogni anno. Quindi evidentemente la nostra zona ha fame di infrastrutture, ma soprattutto ne ha necessità".

Terzi: una vera e propria operazione verità: - "Abbiamo assistito - ha spiegato Terzi - a una vera e propria 'operazione verità'. La ricerca dimostra con dati oggettivi come la Brebemi abbia portato notevoli benefici per i territori che attraversa. L'opera ha determinato un incremento degli insediamenti imprenditoriali che a loro volta hanno generato, ed è questo il numero più importante, 3.700 nuove assunzioni. Il settore protagonista di questa stagione di rilancio è, senza dubbio, la logistica, che in Lombardia vale circa 10 miliardi di euro, pari a qualcosa come il 25/30% del fatturato a livello nazionale. La nostra attenzione alle esigenze del comparto resta alta, e proprio tra meno di un mese faremo un bilancio del lavoro svolto di concerto con Piemonte e Liguria durante gli Stati generali della Logistica del Nord Ovest che si terranno a Palazzo Lombardia. Tornando ai vantaggi generati dalla A35, sottolineo come questa abbia consentito di sgravare i centri abitati dal passaggio del traffico pesante con un miglioramento della qualità della vita dei cittadini, per non parlare dell'aumento dei flussi turistici dovuto alla facilità di accesso a questi territori".

Il 'caso' Brebemi - "Ritengo si debba parlare di un caso Brebemi - ha proseguito Terzi - anche per come questa ha saputo armonizzarsi con il contesto attraverso le opere compensative di carattere ambientale. Da bergamasca so bene quanto la Brebemi abbia rappresentato una svolta positiva per l'economia territoriale. E da assessore alla partita so che dobbiamo andare avanti nell'infrastrutturazione virtuosa della Lombardia e continueremo a impegnarci per questo".

 

 

Cattaneo: ricadute positive anche sull'ambiente - "Nell'elenco dei benefici legati a quest'opera - ha affermato Cattaneo - ci sono evidentemente le ricadute dirette di tipo ambientale. Un aspetto che, insieme ai fattori economici, sociali e di occupazione, non va trascurato per l'impatto sulla riduzione delle emissioni nocive in atmosfera. L'esperienza concreta evidenzia come sciogliendo il nodo del traffico l'impatto sull'ambiente e sulle emissioni si riduce, favorendo ricadute positive per la salute di tutti. Occorre evitare l'approccio ideologico e ritornare al realismo che in questi anni ha favorito la realizzazione di opere stradali e ferroviarie insieme per migliorare anche l'ambiente in cui viviamo. Infrastrutture e ambiente non sono nemici: esperienze come la realizzazione di Brebemi lo dimostrano".

 

 

Fonte: Lombardia Notizie

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali