You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Consiglio Regionale Articoli Notizie Moda e innovazione, Magoni: Lombardia prima regione italiana, 10 milioni per valorizzare eccellenze territori
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Moda e innovazione, Magoni: Lombardia prima regione italiana, 10 milioni per valorizzare eccellenze territori

Milano, 04 febbraio 2019 - Uno stanziamento di 10 milioni di euro per sostenere l'innovazione nel settore della moda. Lo prevede una delibera approvata dalla Giunta regionale su proposta dell'assessore al Turismo, Marketing territoriale e Moda Lara Magoni.

Misura 'Fashiontech' - La misura 'Fashiontech-Progetti di Ricerca & Sviluppo per la moda sostenibile' sostiene l'innovazione del settore moda finanziando progetti di R&S (ricerca industriale e sviluppo sperimentale) finalizzati alla sostenibilità, declinata sotto il profilo ambientale, con un'attenzione particolare anche dal punto di vista etico e sociale. Possono partecipare gruppi di imprese, da 3 a 6, che presentano progetti innovativi nel settore della moda.

Moda e design volani economia - "Regione Lombardia - ha spiegato Magoni - crede fermamente nel settore della moda e del design, volani economici strategici a livello nazionale e internazionale. E, proprio in concomitanza con la presentazione della Fashion Week dedicata all'universo femminile, questa misura intende valorizzare le eccellenze dei nostri territori per dar vita a progetti emblematici in grado di esaltare lo spirito innovativo del nostro tessuto imprenditoriale. Saper fondere sapientemente la genialità del nostro 'saper fare', la cura della tradizione e delle eccellenze dei territori, con la costante ricerca e proporre quindi sul mercato prodotti competitivi e tecnologicamente avanzati, è l'obiettivo che mi pongo come assessore. La misura Fashiontech è un provvedimento importante, perché solo attraverso la ricerca e l'innovazione possiamo mantenere la leadership in questo settore strategico e contribuire a incrementare il grado di innovazione del territorio lombardo. Così saremo in grado di garantire un futuro roseo a tutto il settore".

Moda volano strategico per economia regionale e nazionale - I numeri dicono che il settore della moda è un volano trainante per l'economia lombarda e nazionale: da una recente elaborazione della Camera di Commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi, emerge che le imprese della moda in Lombardia sono 33.600 (prima regione in Italia), sulle 221.191 a livello nazionale. Per numero complessivo di imprese, Milano domina con 13.196, seguita da Brescia con 3.773, Bergamo con 3.285, Varese con 3.213. Superano le 2 mila anche Como e Monza e Brianza. L'Export lombardo di moda nel mondo tocca quota 9.987.694.473 euro nei primi nove mesi del 2018, +3,6% rispetto all'anno precedente, una crescita superiore a quella italiana (+2,3%), rappresentando un quarto del totale nazionale che è di 39.244.757.592 miliardi. A far la parte del leone è sempre Milano, leader in Lombardia e in Italia per export, con un valore di 5.236.785.857 miliardi nei primi nove mesi, +6,4% rispetto al 2017.

Sostenibilità - "Regione Lombardia - ha concluso Magoni - vuole contribuire concretamente affinché le imprese possano sviluppare tecnologie innovative che rendano 'sostenibile', ovvero più accessibile anche al consumatore finale, l'acquisto di prodotti provenienti da lavorazioni da filiera sostenibile".

 

Fonte: Lombardia Notizie

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali