Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Consiglio Regionale Articoli Notizie Cargo aereo, Maroni: confermo impegno Regione
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Cargo aereo, Maroni: confermo impegno Regione

Milano – 27 novembre 2017 - "Gli aeroporti della Lombardia, rappresentano quasi i due terzi del traffico cargo nazionale. È nostro interesse, quindi, capire cosa si possa fare di più e di meglio per contribuire al lavoro di squadra complessivo su questo comparto"

Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, che ha partecipato alla presentazione del position paper del MIT 'Azioni per il rilancio del cargo aereo' che si è tenuta all'Hangar SEA Prime del Terminal 1 dell'aeroporto di Milano Malpensa.

Dopo aver ricordato che la Regione non ha competenze in materia di aeroporti, "anche se questa - ha sottolineato - è una delle materie oggetto di trattativa con Roma" aperta dopo il referendum sull'Autonomia dello scorso ottobre. "Quello che possiamo fare e che stiamo già facendo - ha osservato - è sulle infrastrutture e sulla mobilità. Siamo con Anas, siamo con Rfi per completare i collegamenti ferroviari, il T2 con Gallarate, che consentirà a Malpensa di diventare un punto di riferimento anche dal punto di vista del trasporto ferroviario con tutto il Nord Europa.

Fra poche settimane ci sarà, finalmente, anche l'apertura dell'Arcisate-Stabio e, se arriverà il via libera da Roma che stiamo attendendo da oltre un anno su Pedemontana, andremo avanti anche su questa importantissima opera. Confermo - ha concluso Maroni - che da parte della Regione il grande lavoro di squadra che si è fatto in questi anni, proseguirà in questa direzione". (Fonte e foto LN)

di Maurizio Pavani

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

Dall'Italia si continua a partire

Si dice e si ripete che dal 1973 l’Italia non è più terra di emigrazione. Si tratta però di un’affermazione vera solo a metà. In quell’anno si è registrato infatti lo storico sorpasso fra chi parte dal nostro paese e chi decide di trasferirvisi. Questo non vuol dire che non si parta più.continua>>
Altro…