Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Consiglio Regionale Articoli Notizie Gp Monza, stanziati 25 milioni per rinnovo concessione fino al 2024
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Gp Monza, stanziati 25 milioni per rinnovo concessione fino al 2024

Milano 6 novembre 2018 - Nella manovra finanziaria 2019/2021 di Regione Lombardia, approvata dalla Giunta, è stato inserito uno stanziamento di 25 milioni di euro per il Gran Premio d'Italia all'Autodromo di Monza per il quinquennio 2020-2024. Il finanziamento vuole favorire il rinnovo della concessione che Regione Lombardia riconosce alla Federazione Sportiva Nazionale Automobile Club d'Italia (Aci), Società Incremento Automobilismo e Sport e SIAS Spa, attraverso una concessione che prevede con un contributo annuale di 5 milioni di euro

 

EVENTO CON POSITIVE RICADUTE ECONOMICHE PER TERRITORIO - "Come garantito nella riunione del 18 settembre - ha commentato il vicepresidente di Regione Lombardia Fabrizio Sala - abbiamo come sempre mantenuto la parola data: il Gran Premio d'Italia è uno e si chiama Monza. La Lombardia è sempre più internazionale e il Gran Premio a Monza non è soltanto un simbolo, ma fa da volano economico a tutto il territorio lombardo che Regione Lombardia vuole valorizzare e capitalizzare".

CAMBIAGHI: GP MONZA UNA PRIORITÀ PER LA QUALE BATTERSI - "Questo è il primo passo perché la priorità è sicuramente quella di batterci per rinnovare il contratto e continuare a mantenere a Monza, fino al 2024, il più importante appuntamento sportivo internazionale che si svolge nel nostro Paese - ha chiarito Martina Cambiaghi, assessore allo Sport e Giovani di Regione Lombardia -. L'impianto di Monza è un patrimonio che va oltre il capoluogo brianzolo e la Brianza, rappresenta un valore per tutto il territorio lombardo ed è giusto voler garantire al Gran Premio un orizzonte futuro certo e stabile. Con questo provvedimento Regione Lombardia mette un punto fermo determinante sul quello che sarà il futuro del 'tempio della velocità'".

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

Dall'Italia si continua a partire

Si dice e si ripete che dal 1973 l’Italia non è più terra di emigrazione. Si tratta però di un’affermazione vera solo a metà. In quell’anno si è registrato infatti lo storico sorpasso fra chi parte dal nostro paese e chi decide di trasferirvisi. Questo non vuol dire che non si parta più.continua>>
Altro…