Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Consiglio Regionale Articoli Notizie Lombardia, Ufficio di Presidenza prende atto entità e denominazione Gruppi consiliari esistenti all'atto di indizione delle elezioni
Accedi a ..
Ratio Informa .....
Collegamento alle informationi di Ratio Srl
In Evidenza ...
Logo_giubileo60.png

Lombardia, Ufficio di Presidenza prende atto entità e denominazione Gruppi consiliari esistenti all'atto di indizione delle elezioni

Milano 11 gennaio 2018 - Ai fini della raccolta delle firme e dell’esonero della sottoscrizione degli elettori ai sensi dell’art.1 comma 16 della legge elettorale regionale n.17/2012, nella seduta odierna l’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale della Lombardia ha preso atto, con apposita deliberazione, dei Gruppi consiliari presenti e regolarmente costituiti in Consiglio regionale all’atto di emanazione del decreto prefettizio di indizione delle elezioni regionali, avvenuta il 5 gennaio scorso

di Maurizio Pavani -

 

Al 5 gennaio risultavano presenti e regolarmente costituiti in Consiglio regionale (e non sono quindi tenuti alla raccolta delle firme per la presentazione delle liste alle prossime elezioni regionali del 4 marzo) i seguenti Gruppi consiliari:

Lega – Lega Lombarda Salvini (15 componenti: Massimiliano Romeo presidente, Roberto Anelli, Dario Bianchi, Fabrizio Cecchetti, Jari Colla, Antonello Formenti, Pietro Foroni, Federico Lena, Donatella Martinazzoli, Emanuele Monti, Ugo Parolo, Silvia Piani, Giampiero Reguzzoni, Fabio Rolfi, Silvana Santisi in Saita)

Forza Italia – Il Popolo della Libertà – Berlusconi Presidente (11 componenti: Claudio Pedrazzini presidente, Fabio Altitonante, Anna Lisa Baroni, Alessandro Fermi, Giulio Gallera, Carlo Malvezzi, Mario Mantovani, Luca Marsico, Vittorio Pesato, Fabrizio Sala, Alessandro Sorte)

Maroni Presidente – Lombardia in testa – Lombardia speciale – Autonomia (11 componenti: Stefano Bruno Galli presidente, Fabio Fanetti, Luca Daniel Ferrazzi, Lino Fossati, Lara Magoni, Daniela Maroni, Roberto Maroni, Antonio Saggese, Alessandro Sala, Marco Tizzoni, Carolina Toia)

Noi con l’Italia – Lombardia (4 componenti: Alessandro Colucci presidente, Raffaele Cattaneo, Luca Del Gobbo, Mauro Parolini)

Fratelli d’Italia (2 componenti: Riccardo De Corato presidente, Francesco Dotti)

Partito Pensionati – Pensionati Lombardia (1 componente: Elisabetta Fatuzzo presidente)

Energie per la Lombardia (3 componenti: Alberto Cavalli presidente, Sabrina Mosca, Mauro Piazza)

Partito Democratico della Lombardia (11 componenti: Enrico Brambilla presidente, Alessandro Alfieri, Mario Barboni, Laura Barzaghi, Carlo Borghetti, Gian Antonio Girelli, Fabio Pizzul, Jacopo Scandella, Raffaele Straniero, Sara Valmaggi, Giuseppe Villani)

Gori Presidente (3 componenti: Roberto Bruni presidente, Silvia Fossati, Daniela Mainini)

Obiettivo Lombardia per le Autonomie con Gori (3 componenti: Corrado Tomasi presidente, Agostino Alloni, Luca Gaffuri)

Civica Popolare (3 componenti: Angelo Capelli presidente, Michele Busi, Marco Carra)

Lombardia Progressista – Sinistra per Gori (1 componente: Chiara Cremonesi presidente)

Movimento 5 Stelle (9 componenti: Silvana Carcano presidente, Stefano Buffagni, Eugenio Casalino, Gianmarco Corbetta, Andrea Fiasconaro, Giampietro Maccabiani, Paola Macchi, Iolanda Nanni, Dario Violi)

Alla stessa data risultavano infine iscritti al Gruppo Misto i Consiglieri Maria Teresa Baldini, Rocco Massimo D’Avolio e Onorio Rosati.

Cambiamenti successivi alla data del 5 gennaio non possono essere presi in considerazione ai fini della presentazione delle liste. Il nome della lista può anche non essere precisamente corrispondente a quello del Gruppo consiliare cui fa riferimento: dovrà essere il Presidente del Gruppo stesso a certificare che la lista sia espressione di una forza politica corrispondente a quel gruppo, mentre ogni valutazione finale spetterà in ogni caso all’Ufficio elettorale provinciale presso il quale la lista viene depositata.

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

L’emigrazione e' un valore tutelato dalla Costituzione

La Repubblica “riconosce la libertà di emigrazione, salvo gli obblighi stabiliti dalla legge nell’interesse generale, e tutela il lavoro italiano all’estero”. Il terzo e ultimo comma dell’articolo 35 della Costituzione italiana inserisce la nostra emigrazione fra i valori costituzionalmente tutelati, ma non si tratta di uno dei passaggi più citati della nostra carta fondamentale.continua>>
Altro…