Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Consiglio Regionale Articoli Notizie Laureati e occupati, la Lombardia è sopra la media europea
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Laureati e occupati, la Lombardia è sopra la media europea

Milano 02 ottobre 2018 - La Lombardia si conferma la regione italiana che ha il tasso di occupazione più alto per i giovani che hanno conseguito il diploma di laurea

 

 

 

di Maurizio Pavani

 

 

L’approfondimento sul tema è pubblicato sul sito Lombardia Speciale. Entro un anno dalla laurea di primo livello, i giovani lombardi lavorano con una percentuale dell'80%. Tra di loro, ha chances anche chi si prende qualche mese in più o decide di continuare gli studi con master e corsi di specializzazione.

Il tasso di occupazione tra laureati in Lombardia arriva all'84,7%, bruciando anche la media dei 28 Paesi dell'Unione europea, che si attesta, stando ai dati Eurostat, sull'82,7%.

L'occupazione continua a crescere, superando il 67%. In Lombardia il tasso di disoccupazione generale nel 2017 è sceso al 6,4%, contro una media in Italia dell'11,2%, e quello di occupazione (si considerano occupati, seguendo la definizione adottata dall'Istat, tutti coloro che sono impegnati in un'attività retribuita, di lavoro o di formazione) al 67,3%, contro una media italiana del 58%, e quindi tutto rientra in un panorama generalizzato di ripresa rispetto alla crisi del 2008.

"Il sistema delle università lombarde - ha chiosato il vicepresidente di Regione Lombardia e assessore alla Ricerca, Innovazione, Università, Export e Internazionalizzazione delle imprese Fabrizio Sala - da tempo sta dimostrando grande attenzione agli sbocchi occupazionali degli studenti: lo attestano i risultati contenuti in questa ricerca e, ad esempio, la straordinaria partecipazione dei nostri ragazzi ad eventi che promuoviamo con convinzione, come è accaduto per 'Campus party'. Coniugare innovazione e ricerca al mondo dell'università ci consente di intraprendere e sostenere azioni che agevolano e aiutano gli studenti a fare networking: mettendosi in rete, aprendo start up o avviando piccole imprese, condividono conoscenze e competenze e migliorano la competitività del sistema".

"Da assessore all'Istruzione, Formazione e Lavoro - ha commentato Melania Rizzoli - sono orgogliosa di poter constatare il livello di eccellenza delle Università in Lombardia. La rete dei nostri atenei si conferma estremamente attrattiva per i giovani di tutta Italia che qui trovano percorsi altamente qualificati che sono poi in grado di garantire una rapida occupazione". "I numeri lo dimostrano: il tasso di occupazione dei giovani laureati lombardi - ha sottolineato l'assessore Rizzoli - supera non solo la media italiana, ma anche la media dei 28 Paesi dell'Unione europea. Si tratta di numeri che indiscutibilmente certificano l'ennesimo primato di questa nostra straordinaria Regione". Il dato dell'occupazione dei laureati, però, aggiunge un elemento, ossia che la domanda di lavoratori in Lombardia si sta orientando sempre di più rispetto alla media del Paese, alla ricerca di figure professionali con titoli di studio post-diploma o comunque con elevate qualifiche professionali.

L'Italia però resta indietro rispetto all'Europa - Quanto alla situazione italiana, migliora lievemente la percentuale dei giovani laureati italiani che risultano occupati entro tre anni dal titolo ma il nostro Paese resta molto indietro rispetto all'Europa: nel 2017 - secondo Eurostat - risultavano occupate il 58% delle persone under 35 che avevano terminato l'educazione terziaria a fronte dell'82,7% nell'Ue a 28. Il dato è in lieve miglioramento sul 2016 (57,7%) e in ripresa rispetto al picco negativo del 49,6% del 2014 ma resta comunque il penultimo in Ue, migliore solo di quello greco (54%). In Germania entro tre anni dalla laurea lavora il 92,7% delle persone (86,9% nel Regno Unito). La situazione è peggiore per chi possiede solo il diploma, con appena il 42,6% che risulta occupato entro tre anni dal termine del percorso di istruzione (69,7% in Europa a 28). Il dato è ancora più basso se si considerano le persone con un diploma generalista (il 29,5% entro tre anni, quasi trenta punti in meno rispetto alla media Ue).

Per quanto concerne i Neet, ossia i ragazzi non impegnati né nello studio, né nel lavoro né nella formazione, siamo di fronte ad un fenomeno che ancora in Italia coinvolge, nel 2017, oltre il 24% della popolazione fra i 15 e i 29 anni, ossia 2.189 mila ragazzi. In Lombardia i dati indicano che è più limitato, non arriva al 16%, anche grazie al combinato di scuola, famiglia, territorio e politiche di incentivo al lavoro come Garanzia giovani, il piano europeo per favorire l'inserimento lavorativo di ragazzi fino a 29 anni di età. In generale, in Lombardia i Neet sono 226 mila (-30 mila rispetto al 2014): sul totale della popolazione fra i 15 e i 29 anni rappresentano, appunto, il 15,9%, contro il 18,2% del 2014. (fonte e foto: Lnews)

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

Dall'Italia si continua a partire

Si dice e si ripete che dal 1973 l’Italia non è più terra di emigrazione. Si tratta però di un’affermazione vera solo a metà. In quell’anno si è registrato infatti lo storico sorpasso fra chi parte dal nostro paese e chi decide di trasferirvisi. Questo non vuol dire che non si parta più.continua>>
Altro…