You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Consiglio Regionale Articoli Notizie Internazionalizzazione. Chiusa missione a Chicago, vicepresidente Fabrizio Sala: Lombardia protagonista anche nella ricerca
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Internazionalizzazione. Chiusa missione a Chicago, vicepresidente Fabrizio Sala: Lombardia protagonista anche nella ricerca

Chicago 20 settembre 2019 - Aprire link e collaborazioni economiche di carattere internazionale, in particolare nei settori Automotive, Mobilità Elettrica, Smart Mobility e Scienze della Vita; consolidare la rete di rapporti negli Stati Uniti per promuovere e accrescere l'attrattività della Lombardia; valorizzare le eccellenze presenti nel tessuto imprenditoriale lombardo anche attraverso la presenza di esponenti di aziende con spiccata vocazione all'internazionalizzazione. Obiettivi centrati dal vicepresidente di Regione Lombardia e assessore alla Ricerca, Innovazione, Università, Export e Internazionalizzazione delle imprese Fabrizio Sala al termine della missione istituzionale a Chicago, negli Stati Uniti. Il vicepresidente Fabrizio Sala ha guidato una delegazione composta da 17 aziende lombarde di Brescia, Milano, Mantova, Como, Bergamo, Lodi, Monza e Brianza e Varese. L'iniziativa si inserisce nel quadro della seconda edizione del Programma 'Percorsi di accompagnamento in mercati strategici per il sistema economico lombardo' promossa da Regione Lombardia e Unioncamere Lombardia con il supporto di Promos Italia.

Grande successo per la missione a Chicago - "Questa missione - ha dichiarato con soddisfazione il vicepresidente Sala è stata un grande successo. La ricerca ormai si svolge su un piano internazionale e stiamo lavorando affinché la Lombardia possa giocare un ruolo da protagonista nel mondo in questo ambito".

Collaborazione nel settore automotive con Illinois - "Abbiamo portato i numeri della Lombardia - ha proseguito - all'attenzione del vice Governatore dello Stato dell'Illinois Daniel Hynes che si è detto altamente interessato a iniziare collaborazioni, in particolare nel settore Automotive. Si tratta di una grande opportunità per il nostro tessuto economico imprenditoriale e anche per le nostre università". L'automotive in Lombardia conta più di 1000 aziende (1/3 di quelle italiane), ha un fatturato annuo pari a 20 miliardi (in Italia: 40 miliardi/anno) e ha oltre 50.000 dipendenti diretti (1/3 di quelli nazionali).

Lombardia polo italiano ed europeo automotive - "Quello lombardo - ha rimarcato il vicepresidente Sala - rappresenta uno dei principali poli italiani ed europei dell'industria dell'automotive. Abbiamo componentisti eccellenti che forniscono l'80% del valore di un veicolo. Facciamo la differenza anche in termini di ricerca per la produzione di tecnologia di altissimo livello e qualità. Missioni come questa vogliono proprio creare un terreno fertile affinché le nostre imprese abbiano possibilità di crescita e sviluppo".

Networking internazionale - Il vicepresidente, nel corso della missione, ha fatto visita anche al centro Illinois Autonomous Vehicles Association, al centro Chicago Automobile Trade Association e a FermiLab, centro di ricerca e laboratorio di fisica che vede al suo interno collaborazioni con numerosi specialisti italiani.

Interscambio Lombardia USA - Nel 2018 l'interscambio tra Lombardia e USA è stato all'insegna della crescita: +5% rispetto al 2017. L'export lombardo ha superato i 10 miliardi crescendo del 10.5% e l'interscambio è di circa 13 miliardi di euro. Anche dati provvisori 2019, relativi al primo trimestre dell'anno, sono di segno positivo: l'interscambio Lombardia-USA cresce del 2.8% rispetto all'analogo periodo 2018. Nella fattispecie lo Stato dell'Illinois ha una popolazione di 12 milioni di abitanti (6° stato in USA) e un PIL di 880 miliardi di dollari (5° stato in USA, 4.2% del Pil USA).

 

Fonte: Lombardia News

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali