You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Consiglio Regionale Articoli Notizie Autonomia, Consiglio regionale approva all’unanimità mozione sostegno al negoziato col Governo
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Autonomia, Consiglio regionale approva all’unanimità mozione sostegno al negoziato col Governo

Milano 15 gennaio 2019 – Il Consiglio regionale ha approvato oggi all’unanimità una mozione presentata dal capogruppo di “Noi con l’Italia” Luca Del Gobbo, modificata con emendamenti presentati dall’Assessore Stefano Bruno Galli e dalla consigliera Elisabetta Strada dei “Civici Lombardi”, con la quale si impegnano il Presidente e l’Assessore a “proseguire l’opera negoziale” avviata per l’Autonomia per siglare nei “tempi condivisi col Governo” l’attribuzione “di ulteriori competenze e relative risorse a Regione Lombardia”.

Il documento chiede anche che si tenga costantemente informato il Consiglio regionale sull’esito della trattativa e sulle iniziative intraprese anche attraverso le Commissioni consiliari.  L’Assessore Galli nel suo intervento in Aula ha smentito che vi siano situazioni di stallo nella trattativa. “Abbiamo incontrato i ministri Di Maio, Costa e Toninelli – ha detto in Aula – Il Negoziato da quando si è insediato il Governo Conte sta andando avanti, tanto è vero che luglio il Presidente Fontana ha consegnato il dossier al Ministro Stefani con la bozza d’intesa contenenti le richieste della Lombardia.  Si va avanti. Come sottolineato dal Presidente Conte, a gennaio si completerà  l’istruttoria, per il 15 febbraio è previsto l’incontro con i Presidenti delle Regioni che hanno avviato il percorso autonomista”. Da tutti i gruppi è arrivato il sostegno all’azione della Giunta. Interventi in tal senso sono arrivati anche dai Presidenti della Commissione Autonomia Mauro Piazza (Forza Italia) e dalla Presidente della Commissione Affari Istituzionali Antonella Cappelllari (Lega), i quali hanno sottolineato che concedere autonomia “non vuol dire mettere a repentaglio l’unità nazionale”. Via libera al documento è arrivato anche dal PD che attraverso il Capogruppo Fabio Pizzul ha sottolineto l’importanza di votare un documento di unità istituzionale , “una  presa di posizione del Consiglio regionale che dica la sua sul livello istituzionale della trattativa, depurato da ogni tornaconto politico per un percorso faticoso costruito in tutti questi anni che finalmente si è iniziato a fare”.  Il Consigliere Segretario Dario Violi del Movimento 5 Stelle ha smentito “freddezze” del suo Movimento sulla trattativa. “L’autonomia –ha detto Violi -  l’ha voluta il M5S che ha sostenuto a differenza di altri il referendum, noi non abbiamo un’idea centralista, lezioni non ne prendiamo. Finiamola con l’ipocrisia, lavoriamo sodo per portare a casa un risultato rivoluzionario per questo Paese”.

“Con questa votazione – ha commentato il Presidente della Regione Attilio Fontana - il Consiglio regionale ha dimostrato di saper fare buona politica. Ha lanciato un messaggio che credo non potra' restare inascoltato da chi dovra' prendere le prossime decisioni. Ringrazio tutto il consiglio per aver dato una parola di definitivita' sulla volonta' del popolo lombardo di chiedere l'Autonomia. Un'Autonomia - ha concluso Fontana - che sara' una modifica epocale nella storia del nostro Paese e che lo fara' diventare moderno e gli fara' riacquistare quella dignita' e forza che negli ultimi anni si e' un po' offuscata".

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali