You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Consiglio Regionale Articoli Notizie Olimpiadi 2026, presidente Fontana: prosegue gioco di squadra, metodo lavoro condiviso anche per individuare manager
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Olimpiadi 2026, presidente Fontana: prosegue gioco di squadra, metodo lavoro condiviso anche per individuare manager

Milano 18 settembre 2019 - "Abbiamo fatto importanti passi avanti sul metodo di lavoro per arrivare ad individuare anche il profilo del manager che avrà la responsabilità di rendere operativa la macchina olimpica dal punto di vista organizzativo. I contatti tra tutti i soggetti coinvolti continueranno ad essere costanti, così come continueremo a lavorare per condividere con il nuovo Governo il percorso per arrivare al traguardo delle Legge olimpica. Ribadisco che da parte della Regione Lombardia ci sarà sempre massima collaborazione perché sono convinto che solo attraverso un gioco di squadra potremo raggiungere un risultato importante."

Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, al termine dell'incontro per farle il punto sulle Olimpiadi Milano-Cortina 2026 che si è svolto questa mattina a Palazzo Lombardia alla presenza del presidente del Coni, Giovanni Malagò, del sindaco di Milano, Giuseppe Sala e del vice sindaco di Cortina, Luigi Alverà. Erano collegati in video conferenza anche il presidente del Veneto Luca Zaia e quello della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti.

Le infrastrutture - Ai giornalisti che gli chiedevano novità sul tema delle infrastrutture, il presidente Fontana ha risposto: "Avevamo già presentato al Governo precedente un elenco di opere pubbliche infrastrutturali necessarie a rendere efficiente il sistema della mobilità in vista di questo grande evento. Stiamo già provvedendo a farlo pervenire al nuovo ministro delle Infrastrutture, Paola De Micheli, sicuri di proseguire nel percorso delineato". "Per la realizzazione delle opere - ha aggiunto - è necessario ovviamente anche il coinvolgimento del territorio e la valutazione degli aspetti ambientali oltre che economici. Sono tutti aspetti che abbiamo trattato e che verranno valutati con la massima attenzione. Noi abbiamo sempre detto che i principi fondamentali sono la sostenibilità e quindi interventi strettamente necessari".

 

Fonte: Lombardia News

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali