You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Consiglio Regionale Articoli Notizie Palazzo Pirelli: Presidente Consiglio regionale premia locali e attività storiche del territorio comasco: Il Corazziere e Alimentari Castagna di Merone, Edicola Ripamonti di Erba
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Palazzo Pirelli: Presidente Consiglio regionale premia locali e attività storiche del territorio comasco: Il Corazziere e Alimentari Castagna di Merone, Edicola Ripamonti di Erba

Milano, 8 aprile 2019 – “E’ con particolare soddisfazione e orgoglio che abbiamo premiato oggi tre attività storiche del territorio lariano, una delle quali compie addirittura 100 anni, le altre rispettivamente 70 e 50 anni: realtà che affondano le radici nella storia delle comunità di cui sono ancora oggi fedele espressione, che nel tempo non solo hanno saputo resistere ai mutamenti sociali e dei consumi, ma si sono addirittura rinnovate e hanno continuato a svolgere nei rispettivi paesi anche una funzione di servizio e aggregazione sociale di primaria importanza. Il nostro territorio è ricco di esempi come questi, e la loro presenza costituisce un patrimonio e una ricchezza di inestimabile valore che le istituzioni devono sempre assolutamente promuovere e salvaguardare”.

Lo ha detto il Presidente del Consiglio regionale, premiando oggi pomeriggio insieme all’Assessore regionale allo Sviluppo economico, allo Spazio Belvedere di Palazzo Pirelli, le tre realtà comasche insignite del titolo di locale storico:

  • Il Corazziere di Merone
  • Alimentari Castagna di Merone
  • Edicola Ripamonti di Erba

 

 

Il Corazziere – Merone, 1919

 

La storia di questo ristorante è legata alla figura di Giuseppe Camesasca, giovane di belle speranze che nel 1910, vista la sua eccezionale statura, decide di arruolarsi nel Corpo dei Carabinieri Reali, i cosiddetti Corazzieri. Destinato al Palazzo del Quirinale, al servizio di Vittorio Emanuele III, si merita fra l’altro un encomio solenne per aver sventato a Roma un attentato alla coppia reale. Terminata la carriera militare, il Camesasca si trasferisce in Brianza dove, nel 1919, insieme alla moglie Concetta apre una trattoria sulle rive del Lambro, l’Osteria dei Pescatori. Subito famosa per l’omone alto quasi due metri che la gestisce, oltre all’ottima qualità dei cibi, il nome del locale diventa quasi subito quello di oggi: Il Corazziere.

Con il figlio Armando, Il Corazziere diventa una delle strutture più rinomate della zona ed una fra le realtà gastronomiche più apprezzate della Lombardia.

Alimentari Castagna - Merone, 1948


Sebbene documentata solo dal 1948, testimonianze orali fanno risalire la nascita della rivendita di alimentari della famiglia Castagna ai primi anni del secolo scorso. Con Matteo Fusi, l’attuale titolare, dopo un’importante ristrutturazione e l’ampliamento dei locali, il negozio si è attrezzato per offrire anche cibi pronti di gastronomia, e mettendo a disposizione della clientela appositi spazi per consumare piatti caldi sul posto.

Edicola Ripamonti – Erba, 1968

 

L’edicola nasce per iniziativa di Giuseppe Ripamonti, grande appassionato di libri e della carta stampata. Di fatto la struttura è la prima libreria di Erba, con annessa vendita di giornali e periodici. Negli anni Settanta partecipa come “libreria votante” al Premio Bancarella, annoverando fra i suoi frequentatori molti noti scrittori come Enzo Biagi, Walter Bonatti, Camilla Cederna e Gianni Brera. Dal 2004 passa in gestione a Massimo Riva.

Ha ritirato l’attestato il proprietario Giuseppe Ripamonti, che ha ricordato con commozione il gestore Massimo Riva scomparso pochi giorni fa.

 

 

Fonte: Ufficio Stampa Consiglio Regione Lombardia

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali