You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Consiglio Regionale Articoli Notizie Sicurezza. Il 18,3% dei detenuti stranieri in Italia è in carceri lombarde. De Corato: stop ad accoglienza incontrollata
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Sicurezza. Il 18,3% dei detenuti stranieri in Italia è in carceri lombarde. De Corato: stop ad accoglienza incontrollata

Milano 05 ottobre 2019 - "In qualità di assessore alla Sicurezza di Regione Lombardia esprimo vicinanza alle famiglie dei due poliziotti uccisi a Trieste e, nel rinnovare stima e fiducia alla Polizia di Stato, esprimo alcune considerazioni sulla popolazione carceraria e straniera in Lombardia". Così l'assessore Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale di Regione Lombardia Riccardo De Corato.

Rapporto ORIM - Il 18,3% dei 20.371 stranieri detenuti in Italia sono nelle carceri della Lombardia. Il dato si legge nell'ultimo rapporto dell'Osservatorio Regionale per l'integrazione e la multietnicità - ORIM, che ha elaborato i dati del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria.
Il documento è stato aggiornato a settembre ed evidenzia che, su un totale di 3.716 detenuti stranieri nelle carceri lombarde, sono presenti soprattutto cittadini marocchini (947), seguiti da albanesi (504), rumeni (315), tunisini (260), egiziani (178), peruviani (124) e nigeriani (116).

Dati contenuti nel documento di Polis Lombardia - Queste sette nazionalità coprono complessivamente i due terzi del numero complessivo di stranieri detenuti nelle carceri lombarde. "La Lombardia - ha evidenziato l'assessore regionale alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale - rappresenta dunque la prima regione d'Italia non solo per numero di residenti ma anche per numero di detenuti stranieri".

De Corato: dati che devono far riflettere - "Prendiamo atto di questi dati - ha aggiunto l'assessore De Corato - ma non si tratta di una presa d'atto passiva. Bisogna riflettere ed intervenire. Non dobbiamo continuare ad essere la regione in cui quasi un delinquente su 5 si trova nelle nostre carceri. Paghiamo, soprattutto sul nostro territorio, anni di accoglienza indiscriminata, ma soprattutto accoglienza di chi è arrivato in Italia non per rimboccarsi le maniche, come hanno fatto in tanti, ma per vivere di espedienti illeciti e delinquere. Spero che questi numeri facciano riflettere chi continua a far entrare superficialmente tutti".

Tabella 1 - Detenuti in Lombardia ed incidenza sul totale nazionale al 1° settembre 2019. Principali 10 paesi:

Marocco: 947 detenuti in Lombardia, 24,9% dei detenuti in Italia
Albania: 504 detenuti in Lombardia, 20,4% dei detenuti in Italia
Romania: 315 detenuti in Lombardia, 12,7% dei detenuti in Italia
Tunisia: 260 detenuti in Lombardia, 12,9% dei detenuti in Italia
Egitto: 178 detenuti in Lombardia, 32,3% dei detenuti in Italia
Perù: 124 detenuti in Lombardia, 51,7% dei detenuti in Italia
Nigeria: 116 detenuti in Lombardia, 7,0% dei detenuti in Italia
Gambia: 93 detenuti in Lombardia, 17,5% dei detenuti in Italia
Ecuador: 74 detenuti in Lombardia, 42,3% dei detenuti in Italia
Cina: 72 detenuti in Lombardia, 29,9% dei detenuti in Italia
Senegal: 66 detenuti in Lombardia, 13,3% dei detenuti in Italia

Tabella 2 - Tassi di detenzione (detenuti al 1° settembre 2019 diviso mille residenti al 1° gennaio 2019) per nazionalità in Lombardia e nel resto d'Italia per i principali 10 Paesi in carcere in Lombardia

Marocco: 10,1 in Lombardia; 8,7 in Italia
Albania: 5,5 in Lombardia; 5,7 in Italia
Romania: 1,8 in Lombardia; 2,1 in Italia
Tunisia: 15,3 in Lombardia; 22,6 in Italia
Egitto: 2,1 in Lombardia; 9,1 in Italia
Perù: 2,9 in Lombardia; 2,1 in Italia
Nigeria: 7,2 in Lombardia; 15,2 in Italia
Gambia: 31,8 in Lombardia; 22,0 in Italia
Ecuador: 2,0 in Lombardia; 8,7 in Italia 2,0
Cina: 1,0 in Lombardia; 0,1 in Italia 0,7

 

 

Fonte: Lombardia Notizie

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali