You are here: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Consiglio Regionale Articoli Notizie Innovazione. Vicepresidente Sala: è lombardo il telescopio più innovativo del mondo
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Innovazione. Vicepresidente Sala: è lombardo il telescopio più innovativo del mondo

Milano 30 ottobre 2019 - È lombardo il gigantesco telescopio terrestre di nuova generazione, dieci volte più potente degli strumenti attualmente esistenti al mondo. Si tratta del 'Giant Magellan Telescope' (GMT), una struttura di 1.300 tonnellate di acciaio realizzata da Camozzi Group.

"È un orgoglio sapere che il telescopio più innovativo del mondo nasce in Lombardia - ha detto il vicepresidente di Regione Lombardia e assessore alla Ricerca, Università, Export e Internazionalizzazione Fabrizio Sala -. Questo dimostra le enormi potenzialità del nostro tessuto imprenditoriale, che stiamo cercando di valorizzare e di mettere nelle condizioni di poter emergere a livello internazionale. Complimenti al Gruppo Camozzi per questo grande risultato".

Il 'Giant Magellan Telescope' rivoluzionerà la comprensione e la visione dell'universo: studierà i pianeti oltre il sistema solare alla ricerca di segnali di vita e incrementerà la ricerca cosmologica nonché la conoscenza dei buchi neri e dell'energia oscura, potrebbe quindi realizzare scoperte che cambierebbero per sempre la visione della nostra collocazione nell'Universo.

"Un grande orgoglio che conferma ancora una volta la genialità e l'eccellenza delle nostre imprese" ha commentato l'assessore regionale allo Sviluppo Economico Alessandro Mattinzoli.

Il 'Giant Magellan Telescope' sorgerà nel deserto del Cile, è frutto della collaborazione di 12 fra le principali università ed istituti scientifici del mondo e inizierà ad operare nel 2029.

 

 

Fonte: Lombardia Notizie

Document Actions
Share |
Editoriale

Giovani italiani all’estero: rientro, popolamento e solidarietà

Workshop organizzato per mettere a punto le proposte emerse nel seminario organizzato l’11 ottobre u.s., presentato a sua volta dal giornalista Luciano Ghelfi e introdotto dallo storico Emilio Franzina, moderato in entrambe le occasioni da Gianni Lattanzio, ha visto entrambe le volte la partecipazione di consiglieri del CGIE, esponenti politici quali i deputati Fucsia Fritzgerald Nissoli (FI) Gianni Marilotti (5 Stelle) e Massimo Ungaro (PD) e poi Simone Billi, Presidente del Comitato per gli Italiani all’Estero della Camera dei Deputati (Lega) e la Senatrice Laura Garavini (PD), quindi esperti come Toni Ricciardi (Università di GINEVRA), Maddalena Tirabassi (Direttrice Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, Globus et Locus) Riccardo Giumelli (Università di Verona), Delfina Licata (Fondazione Migrantes) e Franco Pittau (Centro Studi Idos). Le conclusioni del workshop sono state affidate al Dir. Gen. per gli Italiani all’Estero e Politiche Migratorie del MAECI, Amb. Luigi Maria Vignali, e all’On. Fabio Porta, del coordinamento del Comitato. continua>>
Tutti gli Editoriali