Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Consiglio Regionale Articoli L'Istituzione Vicino l'accordo per il Presidente del Consiglio Regionale e il Vicegovernatore
Accedi a ..
Ratio Informa .....
Collegamento alle informationi di Ratio Srl
In Evidenza ...
Logo_giubileo60.png

Vicino l'accordo per il Presidente del Consiglio Regionale e il Vicegovernatore

L’Assessore uscente ai Trasporti, Raffaele Cattaneo, del Popolo Della Libertà, proposto per la presidenza dell’Assemblea Legislativa lombarda, mentre il Coordinatore Regionale del principale Partito della maggioranza di destra, Mario Mantovani, verrà supportato come Vicegovernatore. Spunta l’ipotesi dell’ex-Ministro della Sanità, Ferruccio Fazio, del Popolo Della Libertà, per la guida dell’Assessorato più importante della Giunta regionale. La minoranza di centrosinistra apre al Movimento 5 Stelle.
Vicino l'accordo per il Presidente del Consiglio Regionale e il Vicegovernatore

Raffaele Cattaneo del Popolo della Libertà

MILANO - Certezza sul Presidente del Consiglio Regionale, meno sicura invece la nomina del Vice Governatore.

A seguito di un incontro avvenuto a Lesmo tra il Leader nazionale del Popolo Della Libertà, Silvio Berlusconi, e gli eletti Consiglieri Regionali del principale Partito della coalizione di destra che ha sostenuto la corsa al governatorato di Roberto Maroni, Raffaele Cattaneo è stato investito della candidatura a Presidente del Consiglio Regionale della Lombardia.

Varesino, esponente di Comunione e Liberazione, Cattaneo nell’ultima legislatura ha guidato l’Assessorato ai Trasporti, ed è già stato Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio.

Nel vertice di Lesmo è stata definita anche la candidatura che il Popolo Della Libertà presenterà a Maroni per la carica di Vicegovernatore. Si tratta del Coordinatore Regionale Mario Mantovani, su cui Berlusconi ha riposto enorme fiducia.

La nomina di Mantovani a Vicegovernatore non dovrebbe incontrare alcun intoppo, anche se il Coordinatore Regionale della Lega Nord, Roberto Salvini, ha sottolineato come l’ultima parola spetti comunque a Maroni.

Il Governatore di Regione Lombardia, che è anche Segretario Nazionale della Lega Nord, ha comunque promesso al Popolo Della Libertà sia il posto di Vicegovernatore, che 6 dei 14 Assessorati.

La nomina di Mantovani a Vicegovernatore lascia aperta la corsa per l’Assessorato alla Sanità, che finora sembrava essere affidato al Coordinatore Regionale del Popolo Della Libertà.

Secondo indiscrezioni, l’importante dicastero –che controlla l’80% delle risorse regionali- potrebbe essere affidato all’ex-Ministro della Sanità del Governo Berlusconi, Ferruccio Fazio, mentre sembra perdere quota la riconferma dell’Assessore uscente, Mario Melazzini.

Ancora incertezza regna invece sul resto delle nomine in Giunta in quota Popolo Della Libertà, che, secondo gli accordi, controllerà anche gli Assessorati Trasporti e Attività Produttive.

Tra i nomi in lizza vi sono l’ex-Vicepresidente del Consiglio Regionale, Viviana Beccalossi –che entrerebbe in Giunta in quota Fratelli d’Italia- la Parlamentare Mariella Bocciardo, e l’Assessore uscente al Lavoro e alla Cultura, Valentina Aprea.

Per gli assessorati in quota Lega Nord sembrano sicuri il Senatore Massimo Garavaglia per il Bilancio, il campione olimpionico Antonio Rossi per lo Sport, e un’altra personalità di spicco per la Famiglia.

La composizione della Giunta sarà concordata in un incontro tra Maroni e Berlusconi prima della presentazione definitiva.

 

Oltre alla maggioranza, manovre sono in corso anche nell’opposizione di centrosinistra, che è composta dal Partito Democratico –prima forza politica della Lombardia per voti- dalla Lista Ambrosoli, e dal Movimento 5 Stelle.

Il Candidato Governatore del Patto Civico uscito sconfitto dalla consultazione elettorale, Umberto Ambrosoli, ha dichiarato l’intenzione di impegnarsi affinché la coalizione civica costruita attorno alla sua candidatura maturi in una proposta politica sempre più convincente e alternativa alla destra di Maroni.

Ambrosoli ha inoltre invitato il Movimento 5 Stelle alla cooperazione con il Partito Democratico e la Lista Ambrosoli sulla base di alcuni punti programmatici condivisi, come la democrazia partecipativa e paritaria, il sostegno a nuovi criteri per le nomine nella Sanità, e la legalità.

Nei giorni scorsi, anche il Segretario Regionale del Partito Democratico, Maurizio Martina, ha dichiarato il sostegno della minoranza di centrosinistra all’elezione in Consiglio di Presidenza di un esponente del Movimento 5 Stelle.

 

Matteo Cazzulani

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

L’emigrazione e' un valore tutelato dalla Costituzione

La Repubblica “riconosce la libertà di emigrazione, salvo gli obblighi stabiliti dalla legge nell’interesse generale, e tutela il lavoro italiano all’estero”. Il terzo e ultimo comma dell’articolo 35 della Costituzione italiana inserisce la nostra emigrazione fra i valori costituzionalmente tutelati, ma non si tratta di uno dei passaggi più citati della nostra carta fondamentale.continua>>
Altro…