Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Consiglio Regionale Articoli L'Istituzione Lombardia, Presidente Boni: “Finalmente un tavolo risolutivo per i frontalieri”
Accedi a ..
Ratio Informa .....
Collegamento alle informationi di Ratio Srl
In Evidenza ...
Logo_giubileo60.png

Lombardia, Presidente Boni: “Finalmente un tavolo risolutivo per i frontalieri”

Il via libera oggi a Bellinzona dopo l’incontro con il Presidente del parlamento del Canton Ticino. Presenti anche il capogruppo della Lega Nord Stefano Galli, il Capogruppo del Pd Luca Gaffuri e il consigliere regionale del PdL Vittorio Pesato

BELLINZONA (Canton Ticino) - Ha avuto luogo a Palazzo delle Orsoline, a Bellinzona, un incontro istituzionale fra gli Uffici di Presidenza dei Parlamenti del Canton Ticino e della Lombardia guidati dai rispettivi Presidenti, Gianni Guidicelli e Davide Boni

Oggetto dell’incontro sono state le tematiche riguardanti il mercato del lavoro e il frontalierato.  L’Ufficio presidenziale del Gran consiglio ticinese era accompagnato dai capigruppo dei partiti rappresentati in parlamento, mentre per la Lombardia c’era il capogruppo della Lega Nord Stefano Galli, il capogruppo del Partito Democratico Luca Gaffuri e per il PdL il consigliere Vittorio Pesato.

Nel corso dell’incontro le delegazioni hanno stabilito di attivare un tavolo tecnico-politico permanente cui affidare lo studio e l’analisi delle problematiche che vedono le due regioni toccate dagli stessi problemi per arrivare, nel rispetto delle competenze dei due parlamenti, a trovare delle soluzioni congiunte in tempi rapidi. A tal proposito i due Presidenti hanno parafato una dichiarazione d’intenti che dovrà essere ratificata nei prossimi giorni  dai rispettivi Uffici di Presidenza. “L’incontro di oggi” – hanno sottolineato in una dichiarazione congiunta il Presidente del Gran Consiglio ticinese Gianni Guidicelli e il Presidente del Parlamento lombardo Davide Boni – “getta le basi per un dialogo costruttivo tra le due Regioni che hanno una lingua e una cultura identica”. 

In questa ottica il tavolo tecnico-politico rafforza l’importanza dei buoni rapporti istituzionali fra Ticino e Lombardia a sostegno pure delle azioni dei due Governi regionali, già attivi anche sul fronte delle infrastrutture. 

“Quella di oggi – ha commentato il Presidente Boni – ha rappresentato un momento importante per la risoluzione definitiva del problema dei frontalieri e delle altre tematiche che accumunano Regione Lombardia e Canton Ticino. Oltre ai problemi dei frontalieri, infatti, si è parlato di Expo e infrastrutture. Abbiamo quindi deciso, io e il Presidente Guidicelli, di sottoscrivere una dichiarazione d’intenti che prevede l’istituzione di un tavolo tecnico-politico permanente con agenda predefinita per dibattere tematiche di interesse comune. Il nostro obiettivo è quello di conseguire una risoluzione certa,  anche attraverso il coinvolgimento dei rispettivi governi centrali su alcune questioni come per esempio la revisione degli accordi bilaterali. La dichiarazione d’intenti – ha aggiunto ancora il Presidente Boni - sarà sottoposta ai rispettivi Uffici di Presidenza nei prossimi giorni. Sono dunque molto soddisfatto del risultato conseguito. Auspico una soluzione ampiamente condivisa, soprattutto per quanto riguarda l’annosa questione dei frontalieri”.

Ufficio Stampa Consiglio Regionale

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

L’emigrazione e' un valore tutelato dalla Costituzione

La Repubblica “riconosce la libertà di emigrazione, salvo gli obblighi stabiliti dalla legge nell’interesse generale, e tutela il lavoro italiano all’estero”. Il terzo e ultimo comma dell’articolo 35 della Costituzione italiana inserisce la nostra emigrazione fra i valori costituzionalmente tutelati, ma non si tratta di uno dei passaggi più citati della nostra carta fondamentale.continua>>
Altro…