Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Consiglio Regionale Articoli L'Istituzione Lombardia: al via il toto-assessori della Giunta Maroni
Accedi a ..
Ratio Informa .....
Collegamento alle informationi di Ratio Srl
In Evidenza ...
Logo_giubileo60.png

Lombardia: al via il toto-assessori della Giunta Maroni

Mariastella Gelmini contende a Mario Mantovani la nomina a Vice Governatore, mentre Vittorio Sgarbi è un'ipotesi per la Cultura. Mario Melazzini e Raffaele Cattaneo verso la riconferma alla guida dei superassesorati di Sanità e Trasporti.

Mariastella Gelmini, Antonio Rossi, Vittorio Sgarbi: ecco alcuni dei nomi che, secondo le prime indiscrezioni, potrebbero comporre la Giunta Regionale del neoeletto Governatore, Roberto Maroni.

Dopo un giorno di riposo dalla conclusione dello spoglio dei voti, il Segretario Federale della Lega Nord ha dato via alle consultazioni per il varo del nuovo Esecutivo lombardo, che, per regolamento, deve essere presentato dopo pochi giorni dalla proclamazione del nuovo Governatore.

Per il posto di Vice Governatore, che secondo i patti di coalizione deve spettare al Popolo Della Libertà - il principale Partito della colazione di destra che ha sostenuto la candidatura di Maroni - si fa insistente il nome di Mariastella Gelmini.

Donna, bresciana, la Gelmini è favorita nella sua nomination anche dall'esperienza di Governo avuta assieme a Maroni nell'ultimo Governo Berlusconi, quando l'esponente PDL ha guidato il Ministero dell'Istruzione, mentre il nuovo Governatore della Lombardia è stato a Capo di quello del Welfare.

Alternativa a quella della Gelmini, probabile è anche la candidatura di Mario Mantovani: recordman di preferenze per il Popolo Della Libertà che, tuttavia, in virtù della carica di coordinatore regionale PDL ad oggi ricoperta potrebbe essere nominato capogruppo del suo Partito in Consiglio Regionale.

Altro nome noto che potrebbe entrare a far parte della Giunta lombarda è quello di Vittorio Sgarbi, a cui Maroni sarebbe intenzionato ad offrire la guida dell'Assessorato alla Cultura.

Già nominato alla guida del medesimo Assessorato in Comune di Milano dall'ex-Sindaco Letizia Moratti, Sgarbi potrebbe essere accompagnato in Giunta dal campione olimpionico della Canoa, Antonio Rossi, a cui Maroni ha offerto la guida dello sport lombardo.

Oltre che ai nuovi innesti, la giunta Maroni potrebbe mantenere alcune pedine del precedente Esecutivo Formigoni in due settori chiave dell'Amministrazione  Regionale.

Per l'Assessorato alla Sanità è probabile la conferma di Mario Melazzini, mentre per i Trasporti si parla ancora di Raffaele Cattaneo, del Popolo Della Libertà.

Nonostante il nuovo Governatore abbia dichiarato la volontà di ricercare gli Assessori al di fuori dei Partiti, non è esclusa la nomina in Giunta di esponenti delle altre liste che hanno sostenuto la corsa di Maroni: Fratelli d'Italia, la lista Maroni Presidente, e i Pensionati.

Aperta infine resta anche la corsa per la Presidenza del Consiglio Regionale, su cui sembra essere probabile la conferma di Fabrizio Cecchetti: recordman di preferenze della Lega Nord, che ha già presieduto l'Assemblea Legislativa lombarda nell'ultimo anno di legislatura Formigoni.

Matteo Cazzulani

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

L’emigrazione e' un valore tutelato dalla Costituzione

La Repubblica “riconosce la libertà di emigrazione, salvo gli obblighi stabiliti dalla legge nell’interesse generale, e tutela il lavoro italiano all’estero”. Il terzo e ultimo comma dell’articolo 35 della Costituzione italiana inserisce la nostra emigrazione fra i valori costituzionalmente tutelati, ma non si tratta di uno dei passaggi più citati della nostra carta fondamentale.continua>>
Altro…