Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Consiglio Regionale Articoli L'Istituzione Così prende avvio la decima Legislatura regionale
Accedi a ..
Ratio Informa .....
Collegamento alle informationi di Ratio Srl
In Evidenza ...
Logo_giubileo60.png

Così prende avvio la decima Legislatura regionale

La decima Legislatura regionale lombarda inizierà ufficialmente nel momento in cui avverrà la proclamazione del presidente eletto, Roberto Maroni, da parte dell'Ufficio centrale regionale. Non vi è una scadenza predeterminata per la proclamazione, ma normalmente essa avviene 10/20 giorni dopo le elezioni.

Immediatamente dopo il presidente dovranno essere proclamati uno ad uno gli altri 79 consiglieri regionali (tra cui Umberto Ambrosoli, in quanto secondo all'esito del voto).

Entro i 10 giorni successivi alla sua proclamazione, il presidente della Regione Lombardia formerà la Giunta, composta al massimo da 16 assessori (compreso il vice presidente) e 4 sottosegretari (art. 25 dello Statuto della Regione Lombardia).

 

Nella seduta di insediamento della Giunta viene varata la 'Costituzione delle Direzioni Centrali e Generali'.

 

I Consiglieri acquistano prerogative, diritti e funzioni all'atto della proclamazione. L'atto formale è effettuato dagli Uffici elettorali circoscrizionali presso i Tribunali dei Comuni capoluogo di provincia e dall'Ufficio centrale regionale.

 

Il Consiglio regionale tiene la prima seduta non prima di 10 giorni e non oltre 15 giorni dalla proclamazione di tutti gli eletti, su convocazione del presidente del Consiglio uscente, o, in mancanza, del vice presidente più anziano di età. In caso di inosservanza di detti termini il Consiglio si riunisce di diritto il ventesimo giorno non festivo successivo alla proclamazione di tutti gli eletti.

 

Nella prima seduta il Consiglio elegge il proprio presidente e l'Ufficio di presidenza. L'elezione avviene a scrutinio segreto.

 

Entro 60 giorni dal suo insediamento la Giunta approva la proposta del Programma regionale di sviluppo della decima Legislatura, da inviare al Consiglio regionale.

(Lombardia Notizie)

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

L’emigrazione e' un valore tutelato dalla Costituzione

La Repubblica “riconosce la libertà di emigrazione, salvo gli obblighi stabiliti dalla legge nell’interesse generale, e tutela il lavoro italiano all’estero”. Il terzo e ultimo comma dell’articolo 35 della Costituzione italiana inserisce la nostra emigrazione fra i valori costituzionalmente tutelati, ma non si tratta di uno dei passaggi più citati della nostra carta fondamentale.continua>>
Altro…