Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Consiglio Regionale Articoli La Politica Regionali 2018, al via la campagna di Gori: "Diamo una rotta a una Lombardia senza guida"
Accedi a ..
Ratio Informa .....
Collegamento alle informationi di Ratio Srl
In Evidenza ...
Logo_giubileo60.png

Regionali 2018, al via la campagna di Gori: "Diamo una rotta a una Lombardia senza guida"

Milano, 18 novembre 2017 - In previsione delle prossime Regionali 2018 in Lombardia, a Milano è il giorno del lancio della campagna elettorale di Giorgio Gori, candidato Presidente per il Centrosinistra

Lo slogan che campeggia all'Auditorium Mahler è "Andiamo a cominciare". Alla convention, che è stata aperta dal sindaco di Milano Giuseppe Sala, è arrivato a sorpresa anche Piero Fassino, a Milano per la presentazione di un libro e per l'incontro nell'ambito dell'incarico di avvio del confronto preparatorio per la coalizione di centrosinistra. Presente anche il leader di Campo progressista, Giuliano Pisapia. In prima fila insieme all'ex sindaco di Milano il vicesegretario del Pd, Maurizio Martina, il deputato Gianfranco Librandi e il primo presidente della Regione Lombardia, Piero Bassetti.

Giorgio Gori: "Ho girato la Lombardia - ha proseguito Gori - per ascoltare e capire e ho capito tre cose. La prima è che bisogna dare una rotta a una regione che va, ma non ha una guida e manca di una visione. La seconda è che esistono idee, energie e competenze per fare le cose. La terza cosa è che molti vedono la regione come una istituzione lontana, astratta e opaca, ma ha invece molto poteri e incide nella vita dei cittadini". Secondo il candidato del centrosinistra, la Lombardia guidata da Roberto Maroni "assiste ai cambiamenti dei territori senza esprimere una capacità di guida".

Sulla questione immigrazione "la regione ha dato il peggio di sé - ha aggiunto Gori - non è una partita che voglio giocare in difesa ma all'attacco, perché ci intestiamo la battaglia per legalità, sicurezza e dignità, non chi specula sulla paura. Vogliamo governare i fenomeni, trovare soluzioni gli altri fanno solo propaganda". "Non sono entusiasta di accoglienza fatta in Italia, sistema non trova modo per distribuire in modo equilibrato richiedenti asilo sui ferirti, comuni sono sovraccarichi e altri, la maggioranza, non ha neanche un richiedente asilo e non è giusto ha detto Gori che poi ha spiegato - Accogliere non è parcheggiare i ragazzi nelle nostre città, oziare è un disastro per loro, accudirli senza fare niente, devastante per percezione dei concittadini del fenomeno dell'immigrazione, quanto pesa nei cittadini vederli, moltissimo e porti a stravolgere, l'idea è opinione aperte che le persone magari manifesterebbero".

Secondo il sindaco di Milano Giuseppe Sala, Gori è "di gran lunga il miglior candidato che ci possa essere" per guidare la regione. "Quindi siamo con lui", si prende sicuramente "un rischio personale" con questa scelta ha detto Beppe Sala dal palco della convention di Milano. "Il civismo - ha detto Sala - è un elemento fondamentale, le liste civiche non solo vanno ricordate quando si va a votare ma lo spazio al civismo lombardo è fondamentale". Il consiglio partendo dalla sua esperienza del sindaco è "che vada in giro, si faccia vedere, non guardiamo i sondaggi e gli scommettitori, io li guardò per Ema - ha scherzato Sala - non pensiamo ad altro stiamogli vicino con i contenuti e il calore umano". (Fonte e foto: Il Giorno.it)

di Maurizio Pavani
Azioni sul documento
Share |
Editoriale

L’emigrazione e' un valore tutelato dalla Costituzione

La Repubblica “riconosce la libertà di emigrazione, salvo gli obblighi stabiliti dalla legge nell’interesse generale, e tutela il lavoro italiano all’estero”. Il terzo e ultimo comma dell’articolo 35 della Costituzione italiana inserisce la nostra emigrazione fra i valori costituzionalmente tutelati, ma non si tratta di uno dei passaggi più citati della nostra carta fondamentale.continua>>
Altro…