Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Consiglio Regionale Articoli La Politica Autonomia, approvata in II Commissione la proposta di Risoluzione.
Accedi a ..
Ratio Informa .....
Collegamento alle informationi di Ratio Srl
In Evidenza ...
Logo_giubileo60.png

Autonomia, approvata in II Commissione la proposta di Risoluzione.

Il 7 novembre il voto definitivo in Consiglio.

Autonomia, approvata in II Commissione la proposta di Risoluzione, il 7 novembre il voto definitivo in Consiglio.

Via libera il testo che contiene le richieste di ulteriori competenze e relative risorse
che il governatore Maroni e la delegazione del parlamento lombardo dovranno negoziare con il Governo.
Milano, 2 novembre 2017 – La Commissione Affari Istituzionali, presieduta da Carlo Malvezzi, ha approvato a larga maggioranza la proposta di Risoluzione con cui la Lombardia chiederà più competenze e risorse al Governo di Roma. Ora il testo, uscito dal Gruppo di lavoro coordinato dal Presidente del Consiglio, Raffaele Cattaneo, e condiviso da tutti i Capigruppo consiliari, passerà al vaglio dell’Aula nella seduta del 7 novembre.
A favore si sono espressi maggioranza e PD, astensione da parte di M5S, Gruppo Misto, Insieme per la Lombardia e del consigliere Corrado Tomasi del PD.
Il Gruppo di lavoro presieduto dal Presidente del Consiglio, Raffaele Cattaneo, ha ridefinito nel numero di 6 le aree tematiche che daranno priorità alle 23 materie da negoziare con il Governo. Si tratta dell’Area istituzionale, Area finanziaria, Area Ambiente, Territorio e Infrastrutture, Area economica e del lavoro, Area istruzione, ricerca scientifica e cultura, Area sociale e sanitaria.
Lunedì alle 14 si riunirà il Gruppo di lavoro per valutare le osservazioni formulate dalle Commissioni.

 

 

Struttura Stampa

Regione Lombardia - Il Consiglio

 

 

ufficio.stampa@consiglio.regione.lombardia.it

www.lombardiaquotidiano.com

www.consiglio.regione.lombardia.it

 

 

Salvo Ragusa;

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

L’emigrazione e' un valore tutelato dalla Costituzione

La Repubblica “riconosce la libertà di emigrazione, salvo gli obblighi stabiliti dalla legge nell’interesse generale, e tutela il lavoro italiano all’estero”. Il terzo e ultimo comma dell’articolo 35 della Costituzione italiana inserisce la nostra emigrazione fra i valori costituzionalmente tutelati, ma non si tratta di uno dei passaggi più citati della nostra carta fondamentale.continua>>
Altro…