Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Nord America Articoli Cultura e curiosità Julia Colavita: l'intuizione astratta dell'Arte
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Julia Colavita: l'intuizione astratta dell'Arte

Intervista a cura di Ombretta Del Monte.

Julia Colavita, giovane artista di arti visive con un percorso artistico di notevole importanza.  La sua formazione  scolastica è avvenuta in New York Academy of Art, MFA PaintingHartwick College, BA Studio Art, Concentration Paintin. Ha esposto presso Camel Art Space, Brooklyn (NY, USA), You Naughty Children (NY, USA), Academy of Art (NY, USA), Cemeterium, Emerson Dorsch Gallery, (Miami, USA) The Right Amount of Wrong , Fondazione culturale ISE (NY, USA), Asta BAM, Galleria Whitespace (NY, USA), Breathless,  Rush Arts Gallery (NY, USA), e recentemente in Australia il Contingent Bodies (Solo), Olsen Gallery (Sydney).

*** INTERVISTA ***

Domanda: La tua arte esposta soprattutto in America ed in Australia. Questi due grandi Paesi cosa offrono per la crescita di un artista?

Risposta: "Ho vissuto a New York per quasi 10 anni , una città che ha molto da offrire agli artisti in molti modi di comunità, spazi espositivi, istituzioni, residenze e istruzione. Dopo essermi trasferita a Berlino più di tre anni fa, ho anche iniziato a esporre in altre città d’ Europa.  Apprezzo molto la comunità di Berlino e la diversità di artisti di tutte le origini , accogliente e aperti alla collaborazione e al dialogo. La mia mostra più recente è stata in Australia, che è stata una meravigliosa opportunità per esporre  in una nazione  in cui non ero mai stata , forse  artisticamente non è così conosciuta a livello internazionale"

 

D: Tu hai fatto gli studi formativi presso  New York Academy of Art, MFA Painting, quanto è importante lo studio per il talento artistico?

R: "Penso che sia molto importante per un artista studiare all'interno di un'istituzione con la quale possono identificare il tuo lo stile e la teoria. Può essere un'ottima opportunità per un'esperienza di comunità,  per circondarsi di altre idee e prospettive creative e trascorrere del tempo lavorando a stretto contatto tra loro nello stesso spazio fisico e durata. È anche molto importante studiare in un'istituzione in cui si vedono opportunità per promuovere la propria carriera e creare contatti duraturi."

 

D: Secondo te, quanto è importante  l'arte visiva per la società di oggi?

R: "Penso che l'arte visiva sia incredibilmente importante in questo momento nella società contemporanea. Stiamo vivendo un momento di libertà di espressione, dimostrativa per la sua altezza massima in questo momento nella società. Ci sono molti cambiamenti che avvengono a livello globale e all'interno delle nazioni e al momento penso che sia importante per le arti visive prendere il posto in questa storia. Offrendo inoltre prospettive uniche con cui gli spettatori possono entrare in sintonia o addirittura non essere d'accordo, il che è altrettanto importante."


D: Qual è la tua ricerca artistica?

R: "La mia pratica artistica non è basata sulla ricerca. Il mio lavoro è più intuitivo, basato sul colore e sulla forma. A volte mi capita di pensare a idee provenienti da scienza e cultura (corpo, animali, esperienza legata al genere), ma in un senso più astratto mai come riferimento diretto."


D: I tuoi lavori si dividono in opere pittoriche e in sculture. Quanto t'impegna l’ arte nella tua Vita?

R: "Sono sempre andato avanti e indietro tra pittura e scultura. Le mie sculture sono molto pittoriche spesso e riguardano la trama e il colore, la superficie e la forma, ei miei dipinti sono simili a colori e strati e trame, quindi si riferiscono l'uno all'altro. L'arte è molto importante nella mia vita e lo è sempre stata sin da quando ero un'adolescente. Recentemente sono più interessata  alla pittura, che è quella per la quale ho  studiato anche a scuola."

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

Dall'Italia si continua a partire

Si dice e si ripete che dal 1973 l’Italia non è più terra di emigrazione. Si tratta però di un’affermazione vera solo a metà. In quell’anno si è registrato infatti lo storico sorpasso fra chi parte dal nostro paese e chi decide di trasferirvisi. Questo non vuol dire che non si parta più.continua>>
Altro…