Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Nazioni Nord America Articoli Storia ed emigrazione Pasquale Nestico incontra il Sindaco di Magnacavallo "Capitale morale dell'Emigrazione Lombarda " Arnaldo Marchetti
Accedi a ..
Ratio Informa .....
Collegamento alle informationi di Ratio Srl
In Evidenza ...
Logo_giubileo60.png

Pasquale Nestico incontra il Sindaco di Magnacavallo "Capitale morale dell'Emigrazione Lombarda " Arnaldo Marchetti

Pasquale Nestico fondatore e Presidente onorario di Filitalia International di Philadelphia (USA) , accompagnato dal Governatore del Distretto Italia del sodalizio e Presidente dei Mantovani nel Mondo Daniele Marconcini ha recentemente incontrato il Sindaco di Magnacavallo "Capitale dell'Emigrazione Lombarda" Arnaldo Marchetti.

Nel corso della visita al Museo dell'Emigrazione è stato presentato a Pasquale Nestico una sezione intitolata a Pompeo Coppini, scultore originario di Moglia diMantova,assai famoso negli Stati Uniti per aver eseguito il Monumento agli eroi di Alamo, un'opera alta quasi venti metri sita nella città di Santantonio in Texas con le figure degli eroici difensori Bowie,TravisCrockett.

Coppini ha lasciato negli States un'imponente numero di opere fornato da almenotrentacinque monumenti pubblicisedici statuequasi ottanta busti.

Grazie all'impegno del ricercatore-fotografo Gianni Bellesia è stato salvato e poi donato al Museo una importante documentazione storica sulla vita dell'artista, comprendente la corrispondenza dell' artista con la sua famiglia in Italia nella quale descrive la sua esperienza di emigrante dai primi difficili esordi sino al successo.

Pasquale Nestico ha portato i saluti della Presidente Rosetta Miriello ha consegnato nelle mani del Sindaco Marchetti una targa con il logo di Filitalia International per la sede del Distretto Italia della fondazione italo-americana, legalmente ed ufficialmente insediato presso il Museo dell'Emigrazione diMagnacavallo gemellato moralmente con Il Museo dell'Emigrazione diPhiladephlia recentemente costituito presso la Sede di Filitalia.

Occorre infatti ricordare che vi è stata anche una emigrazione lombardo-mantovanadalle sponde del Po al Missisipi alla fine dell'800 nelle piantagioni di cotone e una emigrazione del Nord Italia verso Kansas CitySt. Luisi ,Chicago e insieme asicilinaicalabresi nelle miniere della Pennsylvania.

Pasquale Nestico ha evidenziato l'impegno della fondazione italo-americana per mantenere e sviluppare il Museo, posto presso la sede di FilitaliaPhiladelphia, con una compagna di fundraising sostenuta completamente dagli emigranti e dai loro discendenti, senza alcun sostegno pubblico.

Daniele Marconcini ha auspicato un impegno nazionale delle Associazioni degli italiani nel Mondo per valorizzare i piccoli musei e gli archivi della Emigrazionein Italia e all'estero.

La visita si è conclusa con una foto di gruppo presso il Monumento all' Emigrante diMagnacavallo dove a Settembre si svolgerà il tradizionale raduno degli emigranti lombardi e mantovani nel mondo in nome della Patrona dei Migranti Santa Madre Cabrini,originanaria di Sant'Angelo Lodigiano a cui  è stata intitolata la Piazza antistante la Chiesa di Magnacavallo, inaugurata dal Nunzio Apostolico inUruguay, il mantovano Monsignor Anselmo Guido Pegorari.

A ricordo della visita sono state donate al Museo le riproduzioni originali dellaDichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti d'America e la Costituzione Americana.

Vale la pena ricordare il contributo determinante un italiano Filippo Mazzei, patriota e amico stimato di Jefferson, nella stesura della Dichiarazione di indipendenza, riassunto in questo suo pensiero “Noi teniamo per certe queste Verità. Che tutti gli Uomini sono creati uguali, che essi sono dotati dal loro Creatore di certi diritti inalienabili…”. I pensieri di un immigrante italiano finirono, così, nel documento della fondazione degli Stati Uniti d’America.

09 Febbraio 2017

(Fonte www.filitalia.it)

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

L’emigrazione e' un valore tutelato dalla Costituzione

La Repubblica “riconosce la libertà di emigrazione, salvo gli obblighi stabiliti dalla legge nell’interesse generale, e tutela il lavoro italiano all’estero”. Il terzo e ultimo comma dell’articolo 35 della Costituzione italiana inserisce la nostra emigrazione fra i valori costituzionalmente tutelati, ma non si tratta di uno dei passaggi più citati della nostra carta fondamentale.continua>>
Altro…