Tu sei qui: Home Lombardi nel Mondo Cornello dei Tasso, Gromo e Lovere: i borghi d’Italia in mostra a New York
Accedi a ..
Ospitalità Mantovana .....
logo-albergo-hotel-bianchi-mantova.png
In Evidenza ...

Cornello dei Tasso, Gromo e Lovere: i borghi d’Italia in mostra a New York

L'associazione I Borghi più belli d'Italia ospite del New York Times Travel Show, fantastica vetrina per il settore turistico: tra le 250 piccole realtà rappresentate anche tre borghi bergamaschi, quelli di Cornello dei Tasso, Gromo e Lovere.

Nell’affascinante vetrina del New York Times Travel Show, imperdibile appuntamento dedicato al turismo, i Borghi più belli d’Italia si sono fatti valere: 250 piccole realtà capaci di sgomitare e farsi largo tra i giganti del settore, facendo leva su atmosfere e panorami unici al mondo.

Fiorello Primi, presidente dell’associazione I Borghi più belli d’Italia, ha espresso tutta la propria soddisfazione al Consolato italiano di New York spiegando come l’architettura, l’arte e la storia dei borghi italiani non abbiano nulla da invidiare al patrimonio delle grandi città.

E, ricordiamo, tra le piccole perle italiane ci sono anche tre gioielli bergamaschi: dal Cornello dei Tasso, borghetto da 45 abitanti nel Comune di Camerata Cornello, fino ai più popolosi centri di Gromo (nella foto borghipiubelliditalia.it) e Lovere.

Per tutelare, salvaguardare e valorizzare queste gemme incastonate qua e là lungo la Penisola, l’associazione Borghi d’Italia ha creato un Tour Network ad hoc per la loro promozione: percorsi tematici e itinerari per invogliare i turisti ad uscire dagli schemi e dalle solite rotte, per farsi incantare da luoghi unici che rischiano invece di essere dimenticati.

Il viaggio oltre oceano ha dato ai Borghi più belli d’Italia un’occasione unica: in un periodo in cui Bergamo e la provincia, in particolare il lago d’Iseo con l’installazione di Christo, continuano a far parlare i quotidiani americani, mettere altra carne al fuoco nella prestigiosa vetrina allestita nel cuore della Grande Mela non può far altro che offrire una nuova e ghiotta occasione per tutto il territorio.

fonte: bergamonews

Azioni sul documento
Share |
Editoriale

Dall'Italia si continua a partire

Si dice e si ripete che dal 1973 l’Italia non è più terra di emigrazione. Si tratta però di un’affermazione vera solo a metà. In quell’anno si è registrato infatti lo storico sorpasso fra chi parte dal nostro paese e chi decide di trasferirvisi. Questo non vuol dire che non si parta più.continua>>
Altro…